Le terme di Rapolla, un toccasana per il corpo e la mente

di

Sin dalla fine del secolo scorso sono utilizzate per scopi terapeutici e preventivi. Le terme di Rapolla vantano un forte turismo termale locale che garantisce ai visitatori una fuga dallo stress quotidiano per la ricerca di relax.

Rapolla è un piccolo paese nel bacino del Vulture, a nord della Basilicata, al confine con la Puglia e la Campania. La scoperta delle sue acque risale agli inizi dell’Ottocento ma, soltanto nel 1961, un imprenditore decise di costruire lo stabilimento termale, dotandolo delle attrezzature idonee ai soggiorni.

Le acque di Rapolla sgorgano da due sorgenti in contrada ”Orto del Lago” ma hanno origini geologiche molto più lontane. Acquistano, infatti, i loro minerali nel lunghissimo tragitto che percorrono nelle viscere della terra dove incontrano le rocce laviche del Vulture, antico vulcano che sorge a poca distanza dal borgo lucano.

Le acque di Rapolla sono classificate come minerali, acidulo-ferruginose e salso-sulfureo-bicarbonato-alcaline e quindi sono indicate per contrastare le malattie legate alle vie respiratorie, alle malattie del ricambio, quelle reumatiche e dermatologiche e per trattamenti idropinici, massaggi bagni ozonizzati, aerosol, ultrasuoni, nebulizzazioni, docce nasali, bagni terapeutici.  I fanghi delle terme di Rapolla, inoltre, sono perfetti per poter praticare la cosiddetta terapia cosmetica, vengono usati per trattamenti estetici per la cura e la prevenzione della cellulite, cure specifiche legate al benessere della pelle e per contrastare l’invecchiamento precoce.

Sono tantissimi i servizi messi a disposizione dalla struttura: dallo sport con campi da tennis, piscina e palestra, fino alle zone relax con bar e un parco.  Sono convenzionate con Inps e Asl e sono aperte da maggio a novembre.

di Alessia Guglielmi

lake best Rapolla terme

lake BEST RAPOLLA

Regioni

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK