Un viaggio nelle storia delle chiese rupestri di Melfi

di

Sono riprese con grinta e passione le escursioni “Sentieri del Vulture”, organizzate dal nostro partner di progetto Circolo Sva Legambiente Potenza, su tutto il territorio del Vulture. Un territorio che non smette mai di sorprendere grazie alle sue tante peculiarità in tema di storia, arte, cultura, flora, fauna e tanto altro ancora.

Dopo essere andati alla scoperta di Atella, Ripacandida, Venosa e Monticchio, questa è stata la volta di Melfi. Domenica 2 ottobre gli escursionisti hanno percorso un “viaggio nelle storia delle chiese rupestri di Melfi“.

Un viaggio nella storia della città di Melfi che ha visto la partenza dalla porta venosina per poi proseguire attraverso un sentiero che conduce alla chiesa rupestre di Santa Margherita. La chiesa, risalente al  XIII secolo, è quasi interamente affrescata con la storia di Santa Margherita e vanta uno dei primi affreschi che rappresentano il rapporto tra i vivi e i morti.

La passeggiata è continuata risalendo la collina di Sant’Agata fino a raggiungere i resti di una chiesa del 1100, probabilmente costruita da San Guglielmo e da San Giovanni da Matera, i quali hanno attraversato il territorio del Vulture nel periodo normanno.

Il gruppo ha proseguito la passeggiata fino a raggiungere la chiesa rupestre di Santa Lucia, chiesa ancora consacrata che attraverso delle formelle racconta la vita della santa siciliana. Hanno attraversato e goduto dei boschi di castagno fino a tornare alla porta venosina, una delle porte più importanti della citta di costruzione federiciana.

7 Km ricchi di storia, arte, sacralità, natura e rispetto dell’ambiente.

Sì rispetto dell’ambiente perché i partecipanti all’escursione non hanno solamente passeggiato alla scoperta delle bellezze del Vulture, ma hanno anche contribuito a valorizzarle e tutelarle attraverso la loro pulizia.

Gli escursionisti, infatti, muniti di guanti e sacchetti, hanno raccolto i moltissimi rifiuti incontrati sul percorso partecipando così alla campagna nazionale della Legambiente Puliamo il Mondo. Inoltre, avendo riscontrato la presenza di rifiuti di grandi dimensioni, i nostri volontari hanno provveduto a inviare una segnalazione ambientale al Comune competente.

Una bellissima e intensa giornata che ha unito valorizzazione del territorio e rispetto dell’ambiente

Seguiteci sulle nostre pagine social per rimanere aggiornati sulle iniziative in programma.

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

Ginestra, tra lingua e cultura albanese

di

Ginestra, piccolo borgo di origine albanese, sorge su una collina di fronte al Monte Vulture. Il suo nome pare derivi dall'omonima pianta.

Il Marroncino di Melfi, una castagna tutta lucana

di

Il Marroncino di Melfi, coltivata sul territorio del Vulture, è un tesoro inestimabile dell’antica tradizione culinaria lucana.

Puliamo Il Mondo Legambiente/ A Monticchio l’edizione 2019

di

I Laghi di Monticchio sono uno dei tanti tesori racchiusi nel Parco Regionale del Vulture, in Basilicata. La loro particolarità è legata...