In Volo al Castello/ A Melfi la riscoperta di Federico II

di

In occasione del XXVI Convegno e Raduno Nazionale di Falconeria a Melfi dello scorso 27 ottobre, si è svolta l’escursione “In Volo dal Castello” alla quale hanno partecipato escursionisti curiosi di ammirare la nobile arte della Falconeria. L’iniziativa è stata promossa dall’associazione La Tenda del Bivacco, partner del progetto “Lake B.E.S.T.” sostenuto dal Bando Ambiente 2018 della Fondazione Con il Sud.

In questa escursione è stato proposto un itinerario antico: il tratturo regio, che ha segnato indelebilmente il territorio tra la Lucania, la Puglia e il Molise. L’imperatore Federico II di Svevia scelse la città di Melfi come residenza estiva e qui trascorse i suoi momenti di svago, prediligendo le foreste del Monte Vulture per praticare la falconeria e la caccia. A queste pratiche l’Imperatore dedicò anche il trattato De arte venandi cum avibus (“Sull’arte di cacciare con gli uccelli”), che rappresenta una delle maggiori opere dedicate all’approfondimento dei sistemi di allevamento, addestramento ed impiego dei rapaci nelle battute di caccia.

La figura di Federico II di Svevia è strettamente legata alla Basilicata, non solo perché questa Regione è stata parte del Sacro Romano Impero fino alla seconda parte del XIII secolo ma soprattutto per la grande importanza che la Lucania ha rivestito nella vita politica e sociale dell’Impero. Nel Castello di Melfi sono state infatti redatte nel 1231 le Costituzioni di Melfi (Liber Augustalis) contenenti leggi e disposizioni per la regolamentazione della vita nel Regno di Sicilia.

L’itinerario proposto ha dato ai partecipanti la possibilità di cogliere tutto il fascino delle colline e soprattutto di conoscere due giovani imprenditori agricoli, Antonio e Mattia Amoroso, i quali hanno permesso la realizzazione di un approfondimento didattico sulla coltivazione del fungo cardoncello e la produzione dell’olio extravergine di oliva biologico.

La conoscenza e la valorizzazione del territorio del Vulture sono al centro delle attività progettuali e in particolare del calendario escursionistico proposto per il periodo invernale da La Tenda del Bivacco. Fino al mese di dicembre 2019 sarà possibile prendere parte ad escursioni, visite guidate, giornate di approfondimento dedicate a questa parte del territorio lucano spesso al centro di un turismo “mordi e fuggi”, che non permette uno sviluppo positivo di questi luoghi.

 

Regioni

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK