Laboratori didattici in fattoria

di

Nella giornata di martedì 30 agosto 2022 i bambini dell’Associazione Crescere Insieme sono ritornati in Fattoria per realizzare un laboratorio di trasformazione dei prodotti dell’orto, in particolare del peperone.

Tipico prodotto lucano, il “Peperone crusco”, prima di giungere in cucina, richiede alcuni passaggi di preparazione per la creazione di “serte” o “collane” da esporre al sole per l’essiccazione. Il termine “serta” deriva da “insertare”, cioè trapassare il gambo del peperone con un grosso ago e filo, mettendo in fila tanti peperoni, fino a formare una collana detta, appunto, “serta”, messa poi ad essiccare il tempo necessario per ottenere un prodotto eccellente. Per garantire la tradizionalità e l’originalità del prodotto, “l’insertaggio”, come le altre fasi, va eseguito a mano nel rispetto della tradizione.

Spesso l’operazione diventava un momento di raccolta delle nostre nonne, che si riuniscono davanti casa, procedendo alla creazione delle collane durante lunghe chiacchierate per poi appenderle sui balconi o apposite strutture per la fase di essiccazione.

La “nzert”, ovvero il termine dialettale che definisce la collana, non è solo cibo. E’ tradizione. Rappresenta un ritorno al passato.

L’attività realizzata dalla Cooperativa Orto Sociale e dal WWF di Policoro ha visto i partecipanti alle prese con ago e filo per creare le tipiche collanine da portare a casa per la cura successiva.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Gli Enotri e lo spirito del progetto

di

Gli Enotri erano un popolo frugale, che sapeva valorizzare ciò che la terra offre quando si vive in armonia con essa. Furono...

Nelle terre degli Enotri

di

Un luogo magico. Sembra di tornare indietro nel tempo, o meglio, in ciò che immaginiamo essere il nostro Bel Paese qualche decennio...

“Un ULIVO PER LA PACE” alla Fattoria degli Enotri

di

Nell’ambito delle attività educative della Fattoria degli Enotri, i partner di progetto Orto Sociale e WWF hanno voluto piantare un nuovo albero...