Il progetto ARCA festeggia l’Epifania

di

Una dolce sorpresa

Il risveglio di oggi è stato sorprendente all’housing sociale di Castiglione Cosentino!

La befana ha lasciato una calza colma di dolcetti per la piccola Mirabel, la più giovane beneficiaria del progetto ARCA insieme alla sua mamma. La meraviglia e la gioia di una bimba che ritrova una normalità quotidiana è ciò che dà senso ad ogni cosa e ci dà la motivazione e la carica per migliorare il nostro lavoro.

Si conclude con questa gioia e un pizzico di malinconia, il periodo delle prime festività natalizie dall’inizio del progetto ARCA.

 

Un periodo intenso

L’ultimo mese è stato denso di novità e di emozioni contrastanti: da un lato la serenità avvolgente di una casa accogliente dove prepararsi e vivere l’atmosfera natalizia, dall’altro l’ombra e l’angoscia della pandemia che incombe su tutti, nessuno escluso.

Un momento dedicato alle decorazioni

 

Nel rispetto delle norme di prevenzione del COVID 19, si è avuto un importante momento di aggregazione, con i preparativi e le decorazioni di Natale, a cui gli ospiti hanno dedicato un’intera giornata. La più entusiasta, neanche a dirlo, è sempre lei, Mirabel che ha sistemato con cura ogni pallina sui rami dell’albero, facendo attenzione ad alternare i colori rosso e oro.

La torta di compleanno

Questo sfondo luminoso e suggestivo ha fatto da cornice, nei giorni successivi, ad un altro momento importante ed emozionante: il compleanno di Mirabel. E’ stata una piccola festa. La sua mamma in cucina ha preparato una torta di compleanno degna di una pasticceria, mentre le due operatrici, che le seguono nel loro percorso, hanno allestito la stanza da pranzo con palloncini colorati e festoni. Gli auguri della maestra di Mirabel, che le ha portato un dono, hanno attenuato il piccolo dispiacere di non aver potuto incontrare i suoi compagni della scuola dell’infanzia per festeggiare insieme. Infatti proprio in quei giorni la scuola era chiusa!

Il primo Natale del progetto ARCA è stato certamente diverso da come immaginato, ma comunque gli sforzi sono stati tutti concentrati a rendere queste festività quanto più possibile liete e serene per i nostri beneficiari.

Il cammino prosegue

ARCA rappresenta un rifugio sicuro per i nuclei familiari destinatari diretti, che si sono trovati in una condizione di fragilità ed anche in piena pandemia.

I tre nuclei familiari attualmente nel progetto alloggiano nei mini appartamenti a loro assegnati e continuano il loro processo verso l’autonomia socio-economica, con il sostegno degli operatori qualificati che li accompagneranno fino al termine del loro percorso.

 

 

Regioni

Argomenti

Ti potrebbe interessare

Primavera di Pace

di

Primavera di Pace, in ucraino Becha Mnpy. In piazza della Concordia, i bambini di Castiglione Cosentino e i bambini ucraini e africani...

A.R.C.A.: Il network si arricchisce

di

Il progetto A.R.C.A. (Azioni di Recupero Comunitario del Disagio Abitativo), sostenuto da Fondazione Con il Sud, desta interesse e incontra il favore di enti pubblici e privati del territorio di Cosenza.

“NON SONO UN MURALES – SEGNI DI COMUNITA’” 1 OTTOBRE ORE 18 CERIMONIA DI INAUGURAZIONE A CASTIGLIONE COSENTINO

di

Il Centro di Solidarietà Il Delfino e il Comune di Castiglione Cosentino, con il progetto di housing sociale A.R.C.A. sostenuto da Fondazione CON IL SUD, partecipano all’iniziativa "Non sono un murales - Segni di Comunità", evento promosso da Acri in occasione della nona Giornata europea delle fondazioni. Castiglione Cosentino si aggiunge alle 120 città italiane coinvolte nel progetto che realizzeranno un’opera d’arte corale mettendo a disposizione uno spazio pubblico ben visibile a chiunque si rechi nel centro storico del paese. Un gruppo di ragazzi di Castiglione Cosentino insieme ai beneficiari del progetto A.R.C.A., guidati dallo street artist Amaele Serino, realizzeranno un grande murale sulle mura di una costruzione ubicata all'ingresso del centro storico.