#23 CARA TARTARUGA

di

#23 CARA TARTARUGA

#NAVIGANDOVERSOILNATALE in un mare di libri tappa di navigazione #23 Cara Tartaruga di Elisa Mazzoli, editore Coccole books.

“Secondo me leggere non è solo un passatempo, ma può essere un modo di usare l’ immaginazione tramite delle parole scritte da una penna che balla su un foglio che è il suo palco!”

Con queste bellissime parole non potevamo lasciare a terra il piccolo Matteo Chiaro, 10 anni, che frequenta la quinta elementare. Così lo abbiamo fatto salire a bordo della nave di Ancora di parole dove ci ha fatto scoprire il mondo marino con il suo splendido consiglio di lettura: “Cara Tartaruga” di Elisa Mazzoli.

Un libro “per chi vuole una lettura leggera e simpatica, ma anche per conoscere meglio le creature del mare”, spiega Matteo.

Ed è proprio con questo libro che scopriremo da dove viene l’enorme tartaruga della specie Caretta Caretta con cui il protagonista, Nico, ha un incontro ravvicinato. E ancora qual è la testuggine più simpatica del mondo? E i messaggi nelle bottiglie è meglio gettarli in mare, nasconderli nell’armadio oppure portarli a scuola?

Contribuisci anche tu a condividere un libro! Donalo per farlo viaggiare in camper con l’iniziativa “ÀNCORA QUA” della cooperativa CSC che da gennaio riprenderà il viaggio nel Comune di Corigliano-Rossano con la biblioteca itinerante per offrire la lettura alla portata di tutt*!

Per saperne di più scrivi a csccalabria@cooperativacsc.it o chiama 328.0664676

Regioni

Ti potrebbe interessare

#17 ANNA FRANK

di

#NAVIGANDOVERSOILNATALE in un mare di libri tappa di navigazione #17 Anna Frank - storia di una ragazzina che voleva diventare scrittrice di Grazia Mele, Antares Editrice. Consiglio di lettura di Lucia Musillo.

#10 DIVERSI MA UGUALI

di

#NAVIGANDOVERSOILNATALE in un mare di libri tappa di navigazione #10 Diversi ma uguali di Karl Newson e Kate Hindley consigliato da Katia della libreria Il CercaStorie.

UNIVERSAL PROBLEM

di

“Populismo, antisemitismo, fascismo e persecuzioni di ogni genere, sono fenomeni diffusi in tutto il mondo, non parliamo di qualcosa legato solo a Germania, Italia o Inghilterra, è un problema universale di cui dobbiamo rendere consapevoli i giovani, il nostro futuro. “

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK