Open day Utilità marginale

9 dicembre 2018 –  Open day e degustazione micrortaggi

Più di 150 persone: ha avuto un riscontro sorprendente, quasi spiazzante, l’Open day realizzato il 9 dicembre 2018 per presentare alla comunità locale il progetto Utilità marginale e uno dei suoi primi prodotti, i micrortaggi. A fare da cicerone i volontari, gli operatori e quei giovani che di questo percorso si avviano pian piano a diventare protagonisti sempre più consapevoli

Muoviamo i primi passi ma già percepiamo di essere in buona compagnia!

 

I micrortaggi sono dei vegetali in miniatura e potrebbero aiutare non solo a mantenere la linea ma anche a ridurre il rischio cardiovascolare.

“Il consumo di questi alimenti è sempre più diffuso. Dal punto di vista pratico si tratta di germogli di 1-2 settimane di vita che negli Stati Uniti sono utilizzati in cucina già alla fine degli anni ’80 e che da qualche tempo vengono proposti anche in Italia. In Brianza è nata addirittura una start up dedicata alla loro coltivazione, e il Dipartimento di Scienze Agro-Ambientali dell’Università di Bari è diventato un vero e proprio punto di riferimento nazionale per chi si interessa del settore. Dal punto di vista nutrizionale, invece, si tratta di fonti di sostanze utili più ricche rispetto agli ortaggi che si è normalmente abituati ad acquistare, e un numero sempre maggiore di ricerche suggerisce che a tale ricchezza potrebbero corrispondere maggiori benefici per la salute“.

(da Salute24 – http://salute24.ilsole24ore.com/articles/19434)

Regioni

Ti potrebbe interessare

Utilità marginale, una storia di agricoltura sociale

di

Si chiude il 2019, un anno che ha visto tanti cambiamenti per noi, novità legate ad un’azione sociale che è cresciuta gradualmente...

Nel Salento una comunità per lo zafferano

di

Lo scorso 25 agosto, al Palazzo marchesale di Galatone, la Cooperativa sociale Filodolio, partner del progetto Utilità marginale, ha partecipato al suo...

Utilità marginale, un libro per raccontare il progetto

di

Quaranta pagine per due anni e mezzo di lavoro incessante. Quaranta pagine per raccontare il progetto di innovazione sociale Utilità marginale. Così...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK