Co.meta e Utilità Marginale – Meeting Online. Terre Colte a confronto

di

C’è un tempo per raccogliere e un tempo per seminare. Tessere fili, allacciare contatti in questo tempo è un modo buono per lavorare dove si può e continuare a costruire il futuro. Per questo, facendo seguito agli inviti di Fondazione con il Sud che promuove gli scambi di esperienze tra i diversi progetti del bando Terre Colte, anche in periodo di limitazione, ci siamo incontrati.

Obiettivi del confronto

L’incontro è avvenuto il 18 maggio 2020,  solo con videochiamata, al momento, come testimonia lo screenshot a riquadri, ormai divenuto a tutti familiare in questi tempi di distanziamento. Da una parte Emiliano Sergio e Nathalie Franchet per Co.meta, dall’altra Gianluca Marasco e Olivier Piazza per Utilità marginale.

Obiettivi al centro del tavolo virtuale:

  1. approfondimento della conoscenza dei rispettivi progetti;
  2. valutazione dei punti di contatto fra le esperienze;
  3. confronto fra le diverse strategie commerciali e progettuali.

Punti in comune da cui partire

Indubbiamente la comune sensibilità per l’agricoltura sociale e la salute mentale costituiscono dei buoni punti di partenza, in quanto sono ambiti per i quali entrambi i soggetti hanno avviato da tempo una grande varietà di progetti nei rispettivi territori che invitiamo a conoscere consultando i diversi siti che indichiamo in calce all’articolo.

Ci stiamo lavorando

Per il bando Terre Colte in particolare, Utilità Marginale si trova quasi in dirittura d’ arrivo, dopo aver rimesso a coltura tutti i terreni previsti mediante la coltivazione di zafferano, topinambur e grano, aver quasi completato l’inserimento lavorativo di tre persone con disabilità, oltre all’avviamento degli stages. Co.meta invece entrerà a breve nella fase clou del suo progetto di eco parco nella zona di Montecorvino Pugliano, dopo alcune vicissitudini burocratiche, che prevede l’inserimento lavorativo di 6 figure, (tra cui due persone con disabilità) per l’attività degli orti quadrati, la produzione di Olio di oliva evo e la comunità alloggio per disabili mentali.

Guardando inseme al futuro

Esito di questo primo confronto una manciata di idee su possibili scambi di pubblicità e di prodotti, oltre al desiderio espresso di visitare, appena sarà possibile, gli splendidi luoghi che ospitano i progetti, il Salento e il Cilento, entrambi luoghi a forte vocazione turistica e sicuramente ad alto tasso di solidarietà sociale e accoglienza. Si riparte.

https://www.fondazionedivergo-onlus.org/

https://www.facebook.com/utilitamarginale/

 

https://www.capovolti.org/

http://www.cavafelix.it

 

 

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

“I nostri micro-ortaggi stanno in un posto signorile”

di

Resoconto del tirocinio formativo per la coltivazione di micro-ortaggi in serra Giacomo e Chiara sono due tipi molto diversi tra loro. Lo...

Al via la collaborazione tra UniBocconi e Fondazione Div.ergo-ONLUS per Utilità marginale

di

  Volti sorridenti, tante domande per capire e una gran voglia di iniziare. Con una riunione online è inziata la collaborazione tra...

Utilità marginale, una storia di agricoltura sociale

di

Si chiude il 2019, un anno che ha visto tanti cambiamenti per noi, novità legate ad un’azione sociale che è cresciuta gradualmente...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK