Francesco Giustolisi: a Catania uno degli ultimi sarti del cavallo.

di

Tra le diverse maestranze coinvolte nella realizzazione del carretto siciliano  e oggi in via di estinzione, c’è sicuramente quella del sellaio, o siddunaru,  a tutti gli effetti  il sarto dei cavalli che trainano il  carretto. I finimenti consistono nel realizzare appunto i “vestiti” dei cavalli:  selle e paramenti, chiamati armiggi, quotidiani o di festa che hanno la funzione di abbellire i carretti siciliani in parata o anche nel quotidiano, quando nel passato era impiegato fondamentalmente come mezzo di lavoro. La realizzazione de “l’armiggi“ (bardature e pennacchi) è sempre stata opera di più maestranze, oggi riunite in una sola: u siddunaru incaricato  del basto (sidduni) e i pennacchi, u guarnamintaru che  preparava tutti gli altri ornamenti (pettorale, testiera, cavezzone, sottopancia, groppiera). Vive a Catania uno degli ultimi esponenti di questa maestranza, Francesco Giustolisi che ci accoglie nel suo spazio di lavoro circondati da pellami di cuoio, macchine da cucire, forbici, tagliacuoio, nastri, fiocchi, specchi e stelline, una scarnella  (lo sgabello usato per cucire) segnata dal tempo e dalle ore di lavoro, bardature appese a armiggi pieni di colori, in lavorazione o in  consegna. Figlio di un carrettiere e nipote di un carradore, è cresciuto osservando fin da piccolo i carretti, ma il suo sguardo è sempre stato attratto dai colori vivacissimi delle bardature dei cavalli. Inizia per una scommessa da giovane e da lì la professione di siddunaru diventa il suo impiego principale fino a qualche anno fa, quando il periodo di decadenza del carretto si abbina ad una diminuzione delle committenze. Arte la sua fortemente caratterizzata dalla manualità, ha infatti sempre evitato di ricorrere eccessivamente alle macchine da cucire, ci dice di non avere mai avuto allievi e quindi di non avere fino ad oggi trasmesso i segreti delle  sue tecniche di lavorazione. Tra le principali abilità di Francesco Giustolisi, sicuramente quelle relative alla lavorazione del cuoio, dal taglio all’accurata selezione delle parti del pellame da destinare alle diverse componenti  del finimento,  tecniche affascinanti e  allo stesso tempo estremamente laboriose ed articolate.

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

Alfio Pulvirenti e i segreti di uno degli ultimi carradori

di

Alfio Pulvirenti è maestro carradore da sempre, da quando a tredici anni nel suo paese di nascita dove ancora oggi vive e...

La tradizione artigiana del carretto siciliano oggi”: una ricerca per preparare il campo al progetto Trinacria Bike Wagon

di

Ogni avventura che preveda di inoltrarsi in un territorio affascinante ma al tempo stesso delicato e che si ponga un traguardo ambizioso,...

I fratelli Forte e Flavia Pittalà: da Paternò il volto giovane della pittura del carretto siciliano

di

Sono giovani, intraprendenti e talentuosi: i fratelli Alessandro e Gabriele Forte assieme a Flavia Pittalà, tutti e tre di Paternò,  rappresentano oggi...