Tra gioco e maestria: ad Aci Sant’Antonio lo scultore dei carretti Pippo Lanzafame

di

L’ascolto delle voci degli artigiani oggi ancora in attività nella Sicilia orientale ci porta a raccontare la storia di Giuseppe Lanzafame, per tutti Pippo, raffinato intagliatore ligneo e scultore di carretti che ci accoglie nella sua casa bottega di Viagrande, vicino d Aci Sant’Antonio. Figlio d’arte, sua mamma Nerina Chiarenza è una delle più grandi esponenti dell’arte decorativa e pittorica del carretto, è nato e cresciuto respirando carretti, ci sono nato dentro come ama dire lui. Nonno carradore e  zio scultore, suo primo maestro,  fin da bambino è stato circondato da carretti e da mani sapienti che lo costruivano, lo intagliavano e lo dipingevano. Nasce e cresce ad Aci Sant’Antonio, centro nevralgico e capitale orientale della produzione di carretti fino alla seconda metà del Novecento, quando ancora rappresentava un mezzo di lavoro estremamente diffuso ed utilizzato. Non solo la sua famiglia: attorno a lui ad  Aci Sant’Antonio in quel periodo erano attive numerose maestranze che coloravano le strade di carretti in costruzione, era infatti uso svolgere le lavorazioni di intaglio e pittura all’aperto, davanti la bottega, e questo faceva del paese una vera scuola a cielo aperto. Tra le sue specificità l’ornato, tecnica della quale è maestro, tra le sue produzioni annovera numerosi carretti, molti dei quali in collaborazione con Alfio Pulvirenti dipinti poi dalla madre, Nerina, a testimoniare come in questa area della Sicilia vi sia ancora, seppur in misura ridotta rispetto un tempo, una filiera produttiva estremamente virtuosa e costellata da maestranze di altissimo livello.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Alice Valenti: la pittrice catanese dei carretti tra guizzi spericolati e sperimentazioni visionarie

di

Il viaggio alla ricerca dei custodi della tradizione dei carretti siciliani, ci porta ad ascoltare la voce di Alice Valenti, pittrice catanese ...

Il mestiere quasi scomparso del fabbro di carretto siciliano: nella fucina di Antonino Cangialosi a Bagheria

di

Entrati nella fucina di Antonino Cangialosi a Bagheria abbiamo subito la sensazione di essere molto fortunati ad essere lì e a potere...

TRINACRIA BIKE WAGON – LiscaBianca e il carretto siciliano per unire tradizione, nuove-tecnologie, giovani e impresa

di

Coniugare la tutela della tradizione artigianale del carretto siciliano con la sua rifunzionalizzazione, conservandone alcuni elementi, ma integrandoli con nuove e moderne...