Abitare la città: a Sant’Elia si riscrivono gli spazi

di

#tredomandea Maurizio Memoli, Professore ordinario di Geografia economico-politica presso l’Università degli Studi di Cagliari.

L’Università degli Studi di Cagliari – nello specifico: il Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Architettura – è tra i partner del progetto RigenerAzione Urbana.

Com’è coinvolta l’Università nel progetto RigenerAzione Urbana?

Il Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Architettura dell’Università di Cagliari da cinque anni opera come equipe, svolgendo un lavoro di geografia urbana all’interno del quartiere Sant’Elia. Il coinvolgimento in RigenerAzione Urbana è stato una naturale conseguenza, perché mutua alcuni studi che erano già stati compiuti, traendo spunti interessanti da pubblicazioni precedenti. L’ingresso nel quartiere è avvenuto gradualmente, grazie a una serie di associazioni già presenti a Sant’Elia, che hanno aiutato a ricostruirne il quotidiano.

Quali azioni svolge nel contesto di RigenerAzione Urbana?

Il progetto è partito con entusiasmo e il Dipartimento ha dato il proprio contributo specialmente nella fase iniziale di autoriferimento del quartiere, seguendo le interviste proposte alla cittadinanza, raccogliendole e catalogandole, partecipando alla costruzione delle relazioni con il pubblico e prendendo parte alle tavole rotonde con cadenza periodica. Dalla prima fase di monitoraggio e affiancamento si sarebbe dovuti passare a quella della valutazione degli effetti del progetto sul quartiere, verificando che ciascuna azione avesse ottenuto esito positivo nella realizzazione complessiva dello stesso. A seguito di vari impedimenti, il coinvolgimento del Dipartimento ha subito dei rallentamenti e quest’ultima attività non è stata portata a termine, ma si confida in una pronta ripresa.

Quali valori e obiettivi condivide con RigenerAzione?

La ricerca-azione è il punto focale del coinvolgimento: il Dipartimento punta a fare ricerca, collegandola su un piano pratico alle azioni concrete sul territorio. Con RigenerAzione si condivide l’importanza di costruire un rapporto con la cittadinanza, acquisendo consapevolezze del quartiere che derivano non dal sapere esperto, bensì dalla mediazione offerta dagli abitanti e dalle abitanti. Sant’Elia è un quartiere popolare, perciò lo studio di questo territorio si inserisce in un’analisi del Dipartimento più ampia e profonda, legata all’edilizia pubblica e alla sua gestione, al rapporto con le politiche pubbliche, non soltanto urbanistiche ma anche sociali. Tutto ciò si collega, a sua volta, alla volontà del progetto di redistribuire – all’interno dei quartieri popolari – un potenziale sviluppo di imprenditorialità.

Intervista a cura di Giulia Sanna

Regioni

Ti potrebbe interessare

Un meeting virtuale per RigenerAzione

di

RigenerAzione Urbana avvia una tavola rotonda sulla piattaforma Zoom per discutere le nuove azioni di progetto. In tempi di pandemia e di...

Immaginare la città. RigenerAzione a Sant’Elia

di

Valorizzazione dell’esistente e emersione delle potenzialità: entrare in relazione con le famiglie e tutta la comunità locale, per far emergere progettualità, competenze,...

Progettare la città: primi passi verso la Rigenerazione

di

#tredomandea Levante Polyak, co-founder dell’Associazione Eutropian. Eutropian è un’organizzazione di carattere internazionale che promuove processi di urbanizzazione inclusiva. Ha sedi a Vienna...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK