Oltre la periferia: nuovi orizzonti per Sant’Elia

di

ph: Levante Polyak

#tredomandea Susanna Murru, responsabile di CIPM Sardegna.

Il CIPM – Centro Italiano per la Promozione della Mediazione è una Cooperativa sociale che si occupa di formazione e diffusione delle pratiche di mediazione. Fondata nel ’95 a Milano, poi dislocata sul territorio nazionale, oggi è tra i partner del progetto RigenerAzione Urbana.

Com’è coinvolto il CIPM nel progetto RigenerAzione Urbana?

Il CIPM Sardegna è figlio di quello nato a Milano e sorge ufficialmente nel 2018. Promuove progetti rivolti alle periferie ed è coinvolto in RigenerAzione Urbana relativamente al bilancio di competenze, per fornire agli abitanti di Sant’Elia gli strumenti utili a creare impresa in un’ottica di rigenerazione sociale. Il CIPM è da sempre impegnato nelle pratiche di mediazione sociale per la risoluzione pacifica dei conflitti, ma opera anche sul fronte dell’assistenza alle vittime di reato e promuove programmi e trattamenti specifici dedicati agli autori di reati di violenze sessuali e di genere.

Quali azioni concrete svolge il CIPM nel contesto di RigenerAzione?

Il CIPM ha raccolto, attraverso apposite interviste, le esperienze dei cosiddetti ‘testimoni privilegiati’: persone che – a vario titolo – sono intervenute nel quartiere Sant’Elia per capire come operare e costruire una rete sociale, evitando di incorrere negli errori compiuti in passato. Lavora utilizzando gli stessi metodi della mediazione sociale: l’ascolto attivo e il dialogo costruttivo. Tali aspetti hanno aiutato il CIPM a legittimare il suo intervento nel territorio e a creare un rapporto autentico con gli abitanti, incentivando i loro collegamenti con il cuore della città, per combattere la marginalità.

Quali valori legano il CIPM a RigenerAzione Urbana?

Di fatto il CIPM sposa tutti i valori e gli obiettivi di RigenerAzione. Il progetto nasce dalla volontà di creare opportunità nel quartiere, a partire dalla costruzione del nuovo stadio, nella speranza che questo generi sviluppo. Il CIPM crede nel valore delle relazioni autentiche e nelle possibilità insite in Sant’Elia: un quartiere ricco di risorse urbanistiche e archeologiche che è giusto valorizzare e che costituiscono un punto di forza e un’occasione di riscatto.

Intervista a cura di Giulia Sanna

ph: Levante Polyak

Regioni

Ti potrebbe interessare

Il laboratorio delle idee

di

Laboratorio grafico rivolto ai bambini tra i cinque e i dieci anni, ospitato nei locali del Lazzaretto, condotto da Maria Tedde e...

Un meeting virtuale per RigenerAzione

di

RigenerAzione Urbana avvia una tavola rotonda sulla piattaforma Zoom per discutere le nuove azioni di progetto. In tempi di pandemia e di...

Intervista a Francesco Bonomo, regista di Amori Difficili

di

Amori Difficili è un progetto di Sardegna Teatro inserito tra le azioni di RigenerAzione Urbana, di cui è partner. Come nasce il...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK