“Incontri sconfinati” tra donne e migranti: a Ruffano l’evento con letture, pizzica e cous cous

di

RUFFANO- La lettura come ponte tra persone e radici diverse, ma anche come strumento per l’emancipazione delle donne: si chiama “Incontri sconfinati” l’evento che, sabato 7 maggio, rappresenterà una delle due tappe finali (l’altra il 24 maggio) del percorso portato avanti a Ruffano (Lecce) da “Voce alle donne”. È la restituzione di quel piccolo miracolo di condivisione che per sette mesi ha intessuto lo scambio tra donne magrebine e donne salentine, giovani migranti e anziani del posto. Una relazione paziente intrecciata attraverso le parole – scritte, lette o cucite a mano – durante laboratori di promozione della lettura e di alfabetizzazione. È il modo in cui “Voce alle donne” ha declinato “Unde Venis? Quo Vadis?”, azione volta alla promozione della cultura materiale e immateriale locale e allo scambio tra culture nell’ambito di “Leggere tra due mari”. Questo progetto, ideato da Libera Compagnia Teatrale Aradeo e Associazione Amici della Biblioteca di Tuglie, negli ultimi due anni ha provato a rafforzare il ruolo sociale delle biblioteche locali: sostenuto da Fondazione CON IL SUD e Centro per il libro e la lettura, con la collaborazione di Anci, ha coinvolto un corposo partenariato locale e gode del patrocinio dell’Associazione italiana biblioteche e del Polo Biblio-museale di Lecce.

Sabato 7 maggio, presso l’agriturismo Spirdo a Ruffano, alle 16 si ritroveranno le famiglie della comunità magrebina da decenni presente nel comune, migranti beneficiari dei progetti di accoglienza di Arci Solidarietà di Lecce, gli associati del Centro Anziani “E. Pasanisi”di Torrepaduli, le volontarie di “Voce alle donne” e chiunque voglia partecipare. Assieme alla poetessa Maira Marzioni, ci si metterà in cammino tra natura, vecchi canti e letture tratte da testi della stessa Marzioni e di Christian Bobin. Alle 18, spazio alle suggestioni con il “Ricamo condiviso: LenzuoloSOSpeso#122 Abitarelaterra” dal progetto di Silvia Capiluppi; con i percussionisti Arci Solidarietà Lecce e Circular Music e tamburelli di Torrepaduli, ma anche con danze afghane e pizzica salentina. Infine, la condivisione attraverso il cibo: bruschette, cous cous, vino rosso e tè alla menta (Ingresso libero, per info: 339/6828935)

Il termine incontro – spiegano da “Voce alle donne” – indica andare verso, oltrepassare i propri confini, aprirsi a nuove conoscenze. L’incontro può accadere solo se si ha la capacità di ascoltare il racconto dell’altro, di dare spazio alla narrazione che crea un ponte fra cultura, vissuti, sentimenti, persone. Per costruire questo ponte è però necessario avere la possibilità di comunicare, cioè conoscere la lingua, saper usare le parole”. È da questa consapevolezza che, a partire da ottobre, si sono mossi i laboratori di alfabetizzazione e promozione della lettura per donne magrebine presso la biblioteca comunale “don Tonino Bello” di Ruffano e per migranti ospiti del centro Dunya di Arci Solidarietà Lecce. Non solo, sono stati coinvolti anche gli anziani del centro “E. Pasanisi” di Torrepaduli, che hanno vissuto l’esperienza dell’emigrazione, per favorire il superamento di pregiudizi nei confronti di chi ha tradizioni, costumi, religione diversi. I percorsi sono stati strutturati in modo che alla lettura o ascolto seguisse la narrazione di sé, per rendere l’analisi delle proprie esperienze uno strumento di mediazione.

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

Nel Salento, camminata e staffetta di lettura contro la violenza sulle donne

di

Contro la violenza sulle donne, nel Salento fine settimana di iniziative organizzate dall'Unione dei Comuni Andrano Spongano Diso con la collaborazione di "Leggere tra due mari": domenica, camminata e staffetta di lettura nel nome de "La Malapianta"

Giornata mondiale del libro, Biblioteche salentine in prima linea

di

Un'intera settimana per celebrare la Giornata mondiale del libro e del diritto d'autore, oggi 23 aprile. La rete delle biblioteche salentine aderenti al progetto Leggere tra due mari è in prima linea.

Dalla Svezia al Salento per una nuova narrazione dei luoghi

di

SALENTO- Dalla Svezia al Salento, per costruire insieme una drammaturgia partecipata attraverso laboratori diffusi, tra paesaggio e lettura. Ha avuto inizio lunedì...