“Liberazione, esercizio di Memoria”: biblioteche salentine per il 25 aprile

di

SALENTO- La libertà è questione di allenamento: mai darla per scontata, mai darla per definitiva. Richiede cura, dedizione, conoscenza costanti.

Non è un caso che sia stata chiamata “Liberazione, esercizio di Memoria” la rassegna culturale voluta da “Leggere tra due mari” in vista del 25 aprile. Tanti gli appuntamenti online sulla pagina Fb del progetto che sta mettendo in rete numerose biblioteche comunali della provincia di Lecce, rendendole presidio di cittadinanza attiva in territori periferici. Tra i vincitori del bando “Biblioteche e comunità” finanziato da Fondazione con il Sud e Centro per il libro e la lettura con la collaborazione di Anci, “Leggere tra due mari” ha guadagnato il patrocinio dell’Associazione italiana biblioteche e del Polo Biblio-museale di Lecce anche per la sua capacità di far dialogare il territorio: al timone vede le due associazioni Libera Compagnia di Aradeo e Amici della Biblioteca di Tuglie, ma sta costruendo ponti tra ben 19 partner in 15 comuni diversi.

La rassegna online dedicata al 25 aprile è un altro modo per stare insieme e intende celebrare anche un’altra data importante: la Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore, il prossimo 23 aprile.

Per tutta la settimana, dunque, ogni mattina, alle 9.30, il coordinamento delle otto biblioteche comunali coinvolte nel progetto (Andrano, Aradeo, Castrignano del Capo, Cavallino, Collepasso, Martano, Taviano e Taurisano) fornisce consigli di lettura, attraverso una selezione di libri legati alla Resistenza italiana e spiegati attraverso apposite recensioni: “Inchiostro sulla carta” spazia dai classici alle ultime novità, dai volumi più adatti a bambini e adolescenti alle chicche custodite nei fondi bibliotecari, come diari di eroi della guerra di Liberazione e una edizione di “Appunti partigiani” autografata personalmente da Beppe Fenoglio e conservata presso la biblioteca di Cavallino.

A ciò si aggiungono gli approfondimenti attraverso altri stili e linguaggi e che vedono impegnati soprattutto i più giovani, selezionati attraverso apposito bando dall’Unione dei Comuni Andrano-Diso-Spongano per dare il proprio contributo a Leggere tra due mari. Il 22 aprile, alle ore 17, sarà pubblicato il “Viaggio nell’arte della Resistenza” a cura di Sara Rizzello. Il 23 aprile, in occasione della Giornata mondiale del libro, doppio appuntamento  con “Inchiostro sulla carta”, alle 9.30 e alle 13, mentre alle 17 dalla Biblioteca di Aradeo si alterneranno in diretta Fb, sempre sulla pagina di Leggere tra due mari, gli interventi e le letture che vanno sotto il titolo di “Vivo, sono partigiano” (chiaro omaggio ad Antonio Gramsci).

Nel fine settimana, il calendario si fa più fitto. Il 24 aprile, alle 17, Martina Stefanelli intervisterà lo storico Salvatore Coppola sul tema “Salento e Meridione nella Guerra di Liberazione“: in pochi sanno, infatti, che la guerra civile per liberare l’Italia dal nazifascismo è nata in Puglia e tanti sono stati gli uomini e le donne salentini caduti per la causa, soprattutto nel nord del Paese e all’estero. Alle 19, inoltre, Arianna Saracino illustrerà la sua ricerca “Strade di Memoria” che esplora la toponomastica dedicata alla Resistenza nei 15 comuni toccati dal progetto.

Domenica 25 aprile, alle ore 11, si terrà “Primavera del ’44”, spettacolo breve di burattini e ombre della compagnia ARTEconDITA: i protagonisti di questa storia sono Peppe Quasetta e Pati La Murga, due personaggi salentini creati da Betty Melissano e Roberto Nuzzo, che curano i testi, la regia, le scenografie dello spettacolo e sono gli stessi burattinai. Nelle vesti di due partigiani strampalati, Peppe e Pati volontariamente partono per andare ad aiutare i loro amici. Il clima della drammaturgia è quello che precede l’attentato di via Rasella a Roma: i due amici si prendono un momento di pausa per scrivere una lettera alla loro famiglia, affidando a quella missiva le loro paure ma anche il sogno di poter un domani vivere in un Paese libero. La dinamicità e le gag dei due attori, unite alle musiche originali curate da Cosimo Nuzzo, renderanno lo spettacolo divertente e riflessivo.

Nel pomeriggio di domenica, alle ore 17, la Biblioteca di Andrano curerà “Cronache antifasciste“, la ricostruzione di episodi significativi dell’opposizione al regime attraverso la lettura dei giornali dell’epoca. Chiuderà, alle ore 19,  “Dal Rojava al Grup Yorum: omaggio musicale ai nuovi partigiani” del musicista Andrea Cataldo, che eseguirà un brano della tradizione partigiana italiana con l’oud, strumento tipico della cultura mediorientale.

Regioni

Ti potrebbe interessare

La cultura oltre il lockdown: l’impegno per un “Rinascimento” pugliese

di

L'impegno per un nuovo "Rinascimento" pugliese per il post-pandemia. Ieri, durante la tavola rotonda "La cultura che resiste" organizzata da "Leggere tra due mari", sono stati presentati dati, esperienze e la Regione Puglia ha annunciato in anteprima nuove misure per il comparto.

Salento, 1.141 imprese culturali nella morsa del “tempo sospeso”

di

Al netto delle associazioni di volontariato che svolgono attività culturali, in provincia di Lecce sono 1.141 le imprese del comparto nella morsa del "tempo sospeso" del lockdown. Sabato 27 marzo dialogo online sulle loro forme di resistenza.

“Streghe”: le donne salentine troppo libere protagoniste di “Letti in Piazza”

di

A metà tra esseri sovrannaturali e donne ordinarie, forse semplicemente forse troppo libere, tanto da destare paura e stupore e pertanto chiamate "Streghe". Saranno loro le protagoniste del secondo appuntamento con "Letti in Piazza", a Diso (Lecce), il 25 agosto

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK