I ragazzi del Progetto iDO “Io Faccio Futuro” donano all’ASL Foggia due PC ricondizionati

di

Saranno utilizzati per la tele-assistenza nel Centro Territoriale per l’Autismo di Lucera e nel Servizio di Neuropsichiatria Infantile di Cerignola.

I ragazzi del progetto iDO “Io Faccio Futuro” hanno donato all’ASL di Foggia due PC ricondizionati che saranno destinati al Centro Territoriale per l’Autismo (C.A.T.) di Lucera e al Servizio di Neuropsichiatria Infantile di Cerignola.

Alla cerimonia di consegna, che si è svolta questa mattina nella sede del Modulo Terapeutico Riabilitativo per l’Autismo di Cerignola, hanno presenziato il Direttore Generale dell’ASL Foggia Vito Piazzolla, la responsabile del C.A.T. Albacenzina Borelli e il presidente di “iFun”, associazione di promozione sociale di genitori di figli con autismo e disturbi psicosensoriali, Maurizio Alloggio.

A consegnare i PC, che saranno utilizzati dagli operatori della ASL per attività di teleconsulto e assistenza a distanza, è stato Joseph, uno dei ragazzi coinvolti nel progetto iDO.

Questi sono gli eventi che contano – ha commentato il Direttore Piazzolla -. Contengono in sé una parte di senso e di pratica, ma, soprattutto, una parte simbolica. Quest’ultima, destinata a durare per sempre… a comunicare al mondo, cioè a tutti noi, che si può fare. E, quindi, generare il cambiamento evolutivo. Ringrazio, pertanto, l’associazione I-Fun per aver contribuito a rendere tutto questo possibile. Lascio per ultimo un ringraziamento speciale alla dottoressa Borelli e a tutti i suoi collaboratori per l’eccellente lavoro svolto”.

La nostra è una comunità reattiva – ha aggiunto Maurizio Alloggio dove le persone con disabilità sono protagoniste per il bene della collettività. I nostri ragazzi si impegnano quotidianamente per apprendere competenze da mettere a servizio della comunità in cui vivono. E poi, questa volta, ci piaceva davvero molto l’idea che fossero proprio i ragazzi autistici a donare qualcosa ai Centri Territoriali per l’Autismo”.

Supportato da ASL Foggia, Comune di Foggia, AReSS Puglia e finanziato da Fondazione con il Sud, iDO è un progetto sperimentale che, attraverso la tecnologia, favorisce l’autonomia e l’inclusione lavorativa di giovani affetti da autismo e malattie rare.

Il progetto, che coinvolge 20 giovani di età compresa tra i 6 e i 22 anni, guarda al futuro e punta soprattutto sulla domotica, in un sistema di economia circolare e recupero ambientale di hardware dismessi.

Nei mesi scorsi, con l’aiuto di esperti e utilizzando parti di computer e componenti di elettronica riciclati, i ragazzi hanno seguito attività laboratoriali per imparare a costruire congegni tecnologici destinati a migliorare la qualità della loro vita e ad agevolare il loro inserimento nella società.

A guidarli sono stati i volontari e gli educatori dell’associazione iFun, con la supervisione dei tecnici della cooperativa sociale Rehardwareing, che è partner del progetto iDO.

Da anni Rehardwareing recupera un patrimonio fatto di computer da dismettere, obsoleti o non più adeguati ai software, dando alla tecnologia una seconda opportunità che è anche di tipo sociale.

Una finalità condivisa dalla ASL Foggia e promossa dal progetto iDO che immagina orizzonti dove gli altri vedono limiti, trasformando scarti in risorse.

Regioni

Ti potrebbe interessare

I ragazzi del progetto iDO e la comunità. Dopo aver realizzato le mascherine le donano all’A.G.A.P.E

di

Negli ultimi tempi i ragazzi del progetto iDO hanno incontrato le giovani e creative imprenditrici di iPez, Federica Tonti e Giulia Ricciardi. È nato...

Io Faccio Futuro: costituito lo spin off per l’autismo.

di

Università di Foggia, associazione iFun e cooperativa sociale Ghenos insieme per incentivare formazione, ricerca e servizi all’autismo. Trasformare un sogno in realtà...

“Menti differenti, persone differenti”. Il tema lanciato da iFun per stimolare nuove riflessioni.

di

“Menti differenti, Persone differenti” è il tema lanciato da iFun, associazione di promozione sociale di genitori di figli con autismo e disturbi...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK