Il progetto iDO verso lo spin off universitario.

di

Il progetto iDO, che l’associazione iFun sta portando avanti col sostegno di Fondazione con il Sud, si avvia a diventare uno spin off universitario.

L’Università di Foggia e iFun, associazione di promozione sociale di genitori di figli con autismo e disturbi psicosensoriali, hanno, infatti, deciso di avviare un percorso per la creazione di uno spin off universitario che favorirà la formazione e la ricerca nell’ambito dell’autismo, creerà servizi e terapie per le persone con autismo e disturbi psicosensoriali e offrirà sostegno alle famiglie.

In questo modo si contribuirà a raggiungere uno degli obiettivi del progetto iDO che è quello di formare bambini con problematiche psicosensoriali per donare loro competenze utilizzabili nel mondo del lavoro da adulti, migliorando la loro autonomia e il loro inserimento nella società.

L’Ateneo foggiano, attraverso lo strumento dello spin off universitario, favorirà l’avvio di iniziative a elevato contenuto innovativo, sostenendo il progetto iDO e creando una serie di servizi a supporto di persone con autismo.

I professori che stanno lavorando al progetto sono Ezio Del Gottardo, docente di Didattica e Pedagogia Speciale presso il Dipartimento di Studi Umanistici, Lettere, Beni Culturali, Scienze della Formazione; Grazia Terrone e Maria Concetta Rossiello, rispettivamente docente di Psicologia Dinamica e di Didattica e Pedagogia Speciale presso il Dipartimento di Economia, Management e Territorio dell’Ateneo foggiano. Ad affiancarli e a seguire la creazione dello spin off ci sarà un board scientifico costituito da esperti.

«L’Università di Foggia, attraverso alcuni suoi specifici insegnamenti, è da sempre attenta a queste tematiche» – afferma il prof. Pierpaolo Limone, Rettore dell’Università di Foggia – «Abbiamo da subito accolto l’iniziativa dell’associazione iFun, perché siamo consapevoli che dotare la Città di una struttura come questa, significa riuscire a dare supporto immediato a chi si trova di fronte a una diagnosi legata alle problematiche psicosensoriali e non sa cosa fare. In questi casi un aiuto precoce e competente è indispensabile, per offrire supporto e dare risposte capaci di aiutare i piccoli protagonisti a diventare giovani adulti, inseriti nella società».

«Da sempre la nostra associazione persegue l’obiettivo di mettere in rete famiglie e istituzioni. Oggi, finalmente, realizziamo questo ambizioso progetto con la finalità di creare percorsi avanzati e trovare soluzioni ad un problema complesso come l’autismo», dichiara il direttivo di iFun, che aggiunge: «siamo certi che insieme all’Università potremo costruire nuovi orizzonti».

Regioni

Ti potrebbe interessare

I ragazzi del progetto iDO donano le mascherine alla Struttura di Neuropsichiatria Infantile Adolescenziale del Policlinico Riuniti di Foggia.

di

La ricchezza è fatta di incontri speciali e i ragazzi del progetto iDO, in questo ultimo periodo, hanno avuto l’opportunità di arricchirsi...

iFun celebra via social la Giornata mondiale per la consapevolezza sull’autismo.

di

iFun, l’associazione di promozione sociale di genitori di figli con autismo e disturbi psicosensoriali, anche quest’anno mette in campo – nell’ambito del...

iDO: nuovi modelli di inclusione sociale nel campo dell’autismo.

di

Il 26 settembre 2019 si è svolta a Foggia, nella Sala Fedora del Teatro “U. Giordano”, la giornata di presentazione del progetto...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK