Viaggio nel gusto Arbëreshë con l’olio “Mall” ed un libro. L’iniziativa a Chieuti del Gal Daunia Rurale 2020

di

Valorizzare e promuovere la cultura arbëreshë di Chieuti attraverso un libro sulle eccellenze gastronomiche italo-albanesi ed un olio etichettato proprio nella lingua parlata dalla minoranza etno-linguistica e prodotto nel piccolo comune dell’Alto Tavoliere. Con questo intento il Gal Daunia Rurale 2020 ha organizzato l’evento “Viaggio nel gusto arbëreshë” in programma venerdì 10 settembre alle 17.30 presso il giardino dell’ASP “Castriota e Corroppoli” di Chieuti. Nell’occasione verrà presentato il libro di Antonio Caso “A tavola con le Aquile”, un viaggio nella gastronomia arbëreshë in cui si cita più volte Chieuti. Il piccolo centro, insieme a Casalvecchio di Puglia, custodisce infatti lingua, tradizioni e culture della minoranza linguistica albanese. Parla arbëreshë ed ha il gusto dell’inclusione sociale anche l’olio “Volío”, che nell’idioma albanese diventaMall, vaj ulliri ekstra virgjër”, l’extra vergine realizzato con olive raccolte proprio sui terreni dell’ASP “Castriota e Corroppoli”. Volìo” o “Mall” – a seconda di come si vuole pronunciare – è frutto del progetto “Hopeificio”, promosso dalla cooperativa sociale Medtraining e sostenuto dalla Fondazione CON IL SUD nell’ambito della terza edizione del “Bando Socio Sanitario”. A presentarlo sarà Carmine Spagnuolo, presidente della Cooperativa Ortovolante che lo ha prodotto.

«L’olio Mall – dichiara Pasqua Attanasio, Presidente del GAL Daunia Rurale 2020 – nasce con il coinvolgimento di persone con disagio psichico e ha quindi la duplice valenza di restituire dignità alle persone, abbattendo lo stigma e valorizzando allo stesso tempo la cultura e le tradizioni dell’Alto Tavoliere. Elementi che rispondono perfettamente alla mission del nostro GAL che con il suo Piano di Azione Locale ha puntato molto sull’inclusione finanziando diversi progetti di agricoltura sociale. Tra le vocazioni del GAL spicca anche la valorizzazione delle eccellenze gastronomiche, di qui la scelta di concedere subito il patrocinio al libro di Antonio Caso, che con l’originale ed innovativa ricerca ci fa da Cicerone in un gustoso viaggio alla scoperta delle prelibatezze dal sapore arbëreshë».

Il progetto “Hopeificio” da cui viene prodotto “Volìo” o “Mall” ha coinvolto in questi anni un gruppo di beneficiari nella campagna olearia sui terreni dell’ASP “Castriota e Corroppoli” di Chieuti. Il loro percorso di formazione teorica e pratica connesso al ciclo produttivo dell’olio extravergine – anche grazie alla presenza degli operatori e dall’agronomo – si è ormai perfezionato e prevede: potatura, raccolta delle olive, molitura ed imbottigliamento dell’olio. Ed ora, tramite la realizzazione del frantoio che avverrà nei prossimi mesi su terreni dell’Amministrazione Comunale di Chieuti, potranno effettuare anche la trasformazione diretta senza rivolgersi a frantoi esterni. All’evento del 10 settembre, organizzato dal GAL in collaborazione con l’azienda agricola Sanabea, parteciperanno anche Pasqua Attanasio, Presidente GAL Daunia Rurale 2020; Tommaso Pasqua, Presidente dell’ASP “Castriota e Corroppoli”; Diego Iacono, Sindaco di Chieuti e Mario Massaro, Presidente dell’Associazione Arbëreshë di Chieuti.
L’incontro si chiuderà con una degustazione dell’olio su pane e friselle.

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

Il sogno di “Hopeificio”: l’economia dello scarto che diventa economia di lavoro ed inclusione sociale

di

«In passato mi sono sempre occupato di agricoltura facendo assistenza tecnica alle aziende agricole dell’alto tavoliere. In campo mi sono sempre scontrato...

“Hopeificio”, a breve l’avvio del cantiere per realizzare il frantoio

di

Manca poco all’avvio dei lavori per costruire il frantoio nell’ambito del progetto “Hopeificio”. Tra qualche giorno, infatti, sarà picchettata l’area in cui sorgerà...

“Hopeificio”, tutto pronto per la nuova raccolta delle olive che ridanno speranza a persone con disagio

di

E’ tutto pronto. Il terreno, gli alberi d’ulivo, l’attrezzatura e soprattutto loro. Loro sono pronti da giorni, da settimane, da mesi. Perché...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK