BIBLIOTECA BENE COMUNE: da Caserta, pronti a scrivere un’altra storia per la Biblioteca Comunale

di

Agosto 2019, faceva un caldo che non si respirava. Nelle stanze della Biblioteca Comunale Alfonso Ruggiero, in via Laviano, si percepivano diversi gradi in più: l’impianto di raffreddamento non funziona, e nemmeno quello di riscaldamento a dire il vero.
Ci spostiamo fuori, ci sediamo al bar per studiare insieme il nuovo bando Biblioteche e Comunità: dentro la biblioteca c’è poca rete, la connessione wifi sono anni che manca. Leggiamo il bando, iniziamo a progettare, proiettiamo su quella struttura bellissima che ci troviamo davanti, i nostri sogni e le speranze di cambiamento che chi vive qui non può non sentire.
Quasi un anno dopo, ci troviamo ad annunciare l’avvio del progetto, primo in graduatoria e non ci sembra vero!
Siamo tanti, più di 10 associazioni; siamo pronti a scrivere tutta un’altra storia per questo bene pubblico che può e deve diventare un BENE COMUNE.
Una differenza non da poco, una trasformazione importante che è la vera sfida dei prossimi due anni e che dopo questo incredibile lockdown, si fa ancora più stimolante.
Abbiamo fatto una cassetta degli attrezzi per affrontarla al meglio, questa sfida. Dentro questa cassetta, ci sono tanti attrezzi, diversi tra loro e ognuna delle realtà coinvolte sa quali usare e per quale scopo. Aspettiamo che la Biblioteca riapra al pubblico e nel frattempo, affiliamo i nostri strumenti e li adeguiamo a questi nuovi tempi che ci aspettano.
Ecco cosa prevede la nostra “cassetta degli attrezzi“:
– dotare la Biblioteca di riscaldamento, raffreddamento e wifi: un BENE non può diventare COMUNE se prima non diventa confortevole e utile al suo scopo.
– rilanciare il patrimonio librario: circa 80 mila volumi nascosti nel caveau interrato e lontani dai cittadini, che ne chiedono in prestito uno al giorno, in media. Troppo poco per una “Città che Legge”.
– portare la Biblioteca in città: “Scaffali Interculturali” nelle scuole, “Salone del Libro”, “Festa del Libro”, “Libri dal Mondo”, “Libri pedalando/Libri camminando” da svolgersi nei 3 giardini pubblici già beni comuni della città, biblioteche itineranti, “Letture ad Alta Voce e in LIS”, incontri culturali e il sogno di una BiblioBike che porti la lettura nelle borgate del territorio.
– portare la Città in Biblioteca: reading, mostre, concerti, dibattiti, workshop per costruzione di arredi e wayfunding, “Officine di Lettura per la Comunità Educante”, “Book Station”, corsi di informatica per migranti e anziani, laboratori di musiche dal mondo, inglese e francese per bambini col supporto dei rifugiati in accoglienza, corso per la Comunicazione Interculturale, Slam Poetry, laboratorio degli Antichi Saperi, laboratorio di scoperta del territorio.
Ci vogliono davvero tanti attrezzi per realizzare tutto ciò, ecco perché siamo in tanti e determinati a cambiare il futuro di uno spazio che oggi è usato perlopiù dagli studenti come aula studio e che può invece diventare il cuore pulsante della cultura cittadina.
La città è pronta a questa sfida: negli ultimi anni, i Beni Comuni si sono affermati a Caserta portando storie di rara bellezza.
La gestione condivisa è prevista dall’apposito Regolamento Comunale, approvato nel 2017 con un’ampia concertazione, dal quale provengono i “Patti di Collaborazione” siglati da Amministrazione e cittadini.
3 giardini pubblici sono gestiti come Beni Comuni, grazie a decine di volontari che li hanno sottratti alla chiusura e all’abbandono, e un’altra piazza cittadina si candida a questo scopo.
La stessa Biblioteca Comunale è oggi oggetto del “Patto di Collaborazione” siglato a giugno 2020, tra il Comune e la rete degli studenti che fa anche parte del progetto in qualità di partner. Questo “Patto di Collaborazione” è il primo passo per cominciare, siamo pronti a scrivere una nuova storia per la nostra città.

Regioni

Argomenti

Ti potrebbe interessare

Cunta il sud, voci dal territorio

di

CUNTA IL SUD – Voci dal territorio nasce dall’incontro e il confronto tra realtà che lavorano nel sociale attraverso una “Comunità di pratiche”...

A Caserta arriva il Book Delivery di BIBLIOTECA BENE COMUNE

di

Nasce l’iniziativa “Libri a Domicilio”, la prima esperienza di book delivery gratuita a Caserta, pensata a seguito della chiusura delle biblioteche: qui vi raccontiamo l'esperienza con la preparazione e le prime consegne!

La Valutazione dei servizi della biblioteca: uno sguardo ai primi risultati raccolti

di

L’azione di Monitoraggio e valutazione, è un’azione trasversale che consente di cogliere i problemi emergenti, di descrivere gli ostacoli che si frappongono...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK