LO SCRIGNO DELLE MEMORIE / SHEELA : La cassetta

di

Vi proponiamo le “storie” raccolte per il progetto LO SCRIGNO DELLE MEMORIE, raccolte durante il Laboratorio di Narrazione e Comunicazione a cura di ItaStra / Scuola di Lingua Italiana per Stranieri dell’Università di Palermo.


SHEELA / La cassetta

«Quando è arrivato il mese di settembre, è arrivato anche il momento di fare le valige. Abbiamo passato l’ultima sera lì insieme a tutti i parenti; avevano organizzato per noi una grande serata e una ricca cena. Mia zia ha preso una delle cassette che contenevano le canzoni per bambini e l’ha messa nello stereo ed io insieme a tutti i miei cugini abbiamo cominciato a ballare intorno al tavolo. Il giorno dopo è stato un giorno molto triste per me, ricordo di essere arrivata all’aeroporto in lacrime e mia zia per consolarmi mi ha dato la cassetta con cui il giorno prima avevo cantato e ballato insieme ai miei cugini».
ITALIANO

«Ang pagdating ng Setyembre ay hudyat na panahon na rin upang ako ay mag-empake nang aking mga gamit. Ang huling gabi ay ginugol naming buong pamilya na magkakasama; isang napakasayang gabi na may napakasarap na hapunan. Kinuha ng aking tiyahin ang isang cassette tape ng mga awiting pambata, pinatugtog niya ito at kaming magpipinsan naman ay nagsayawan sa palibot ng lamesa. Ang sumunod na araw ay lubhang napakalungkot, naalala ko na ako ay umiiyak nang dumating ako sa airport, at bilang pag-alo, ibinigay sa akin ng aking tiyahin ang cassette tape na sinabayan namin noong nagdaang gabi».
FILIPPINO

«When September came, it was time to pack. We spent the last night there with all the relatives; they had arranged for us a great evening and a rich dinner. My aunt took one of the cassettes that contained the children’s songs and put it in the stereo and I and all my cousins started dancing around the table. The day after was a very sad day for me, I remember coming to the airport in tears and my aunt to console me gave me the tape with which I had sung and danced with my cousins the day before».
INGLESE

Racconto di Sheela Mae Layosa, raccolto durante il Laboratorio di narrazione e comunicazione a cura di Itastra Unipa Italiano per Stranieri, condotto da Valentina Salvato e Chiara Amoruso, per il progetto Voci del Verbo Viaggiare – Accoglienza Mediterranea.


testi e traduzioni di Mustapha Jarjou e Sofian Mozian
foto di Gervasi Antonio
coordinamento Pluralia


 

Regioni

Ti potrebbe interessare

LO SCRIGNO DELLE MEMORIE / PRECIOUS GIDEON : La fotocamera

di

PRECIOUS GIDEON / La fotocamera «Ho scelto la fotocamera perché riguarda la vita di un viaggiatore. La fotocamera mi ricorda la mia...

TIROCINI PROFESSIONALI / COTTI IN FRAGRANZA

di

VOCI DEL VERBO VIAGGIARE TIROCINI PROFESSIONALI LE VOCI DEL VIAGGIATORI Cotti in Fragranza è un esempio di come “amalgamare” idea imprenditoriale e...

WINTERtime / Palermo è accoglienza

di

WINTERtime Palermo è accoglienza Le luci, i colori, le voci e le persone che animano le strade di una città accogliente in...