VOCI DEL VERBO VIAGGIARE HA DUE NUOVI “REPORTER”

di

VOCI DEL VERBO VIAGGIARE HA DUE NUOVI “REPORTER”
Con PLURALIA per raccontare il nostro progetto con la voce dei “viaggiatori”

Si chiamano Sofian e Mustapha, due dei giovani “viaggiatori” di Voci del Verbo Viaggiare, stanno seguendo con l’Associazione Pluralia un percorso di narrazione e comunicazione mirato a formarsi all’interno di una redazione multimediale. Il loro tirocinio è stato pensato in due parti: una teorica, insieme a esperti di comunicazione visiva e di contenuti testuali e una pratica in cui progettiamo insieme contenuti e strategie per trovare la nostra “voce”.
Con loro questa estate Aurora Pinelli, tirocinante dell’Università di Sciences Po di Parigi, che collabora con ItaStra nella costruzione di percorsi di inclusione e di comunicazione.

Leggi di più...

In stretta relazione con il lavoro del Laboratorio di narrazione e comunicazione di Itastra / Scuola di Lingua Italiana per Stranieri dell’Università degli Studi di Palermo, progettiamo usando insieme linguaggi diversi, video, immagini e testo, e soprattutto valorizzando la lingua plurale dell’accoglienza, che è fatta dall’intreccio di tante lingue, dall’inglese, al francese, dal mandinka, all’arabo, dal wolof, all’italiano e al nostro dialetto siciliano.

SOFIAN «Per noi fare questo percorso significa conoscere, ascoltare e imparare, sviluppare e acquisire nuove competenze nell’ambito della comunicazione. Abbiamo incontrato figure dello staff di Pluralia che ci hanno dato tanto: Roberto Speziale con le lezioni sulla comunicazione visuale e Antonio Gervasi che ci insegna come guardare Palermo attraverso una macchina fotografica e una videocamera».

MUSTAPHA «Come gli altri partecipanti di Voci del Verbo Viaggiare siamo coinvolti nel laboratorio di narrazione e comunicazione di ItaStra, ma stiamo partecipando con uno sguardo diverso: insieme allo staff di Pluralia e ItaStra progettiamo contenuti per la comunicazione. Ad essere centrali sono le storie dei ragazzi e delle ragazze che partecipano. Noi traduciamo insieme alle insegnanti Valentina Salvato e Chiara Amoruso le storie in francese, inglese, mandinka, arabo, jola, fula e wolof, così insieme alle storie valorizziamo anche le lingue. E valorizziamo anche i ragazzi e le ragazze che viaggiano insieme a quelle storie e a quelle lingue».

L’Associazione Pluralia nasce con l’intento di creare uno spazio di affermazione, formazione e di lavoro per giovani viaggiatori che hanno scelto Palermo come città a cui consegnare il proprio vissuto e come luogo da cui generare vissuti nuovi. In stretta collaborazione con il lavoro svolto da ItaStra per l’inclusione linguistica e sociale, Pluralia si pone come spazio cooperativo per riflettere sui grandi temi dell’attualità e fare il punto sulla nostra conoscenza e comprensione di mondi lontani.

“Costruiamo comunicazione che valorizza le radici”

«Pluralia è un avamposto di ricerca di pratiche di inclusione, un luogo di dibattito in cui si cercano antidoti per affrontare quanti urlano troppo contro la diversità e la conoscono troppo poco. A Pluralia proviamo a liberarci da tutto ciò che non è significativo e utile per il futuro di chi un futuro lo vuole. A Pluralia convergono soggetti migranti plurilingue con vissuti esistenziali pieni di vita (spesso) difficile, che hanno saputo ricavare il meglio dalle difficoltà per ottenere nuovi equilibri. Sono giovani che possiedono abilità linguistiche, doti umane e capacità di relazione, nonché desiderio di condividerle e metterle a disposizione di altri giovani migranti neoarrivati. Teniamo fede a un principio non negoziabile: comunichiamo azioni migranti solo se a farlo con noi sono altri migranti».
Marcello Amoruso / Pluralia


* foto di : Alagie Malick Ceesay e Mustapha Jariou


Regioni

Ti potrebbe interessare

TIROCINI / COTTI IN FRAGRANZA: il primo giorno a lavoro!

di

IL PRIMO GIORNO AL LAVORO Facce felici ed emozionate e grande voglia di fare. Il primo giorno a lavoro in cucina per...

IL PERCORSO DI FORMAZIONE D’IMPRESA / il laboratorio sul managment a cura di ARCA

di

A marzo sono partiti i laboratori del progetto Voci del verbo viaggiare – accoglienza mediterranea, sostenuto dalla Fondazione CON IL SUD: la...

CENA NARRATIVA / il trailer

di

«Ma cos’è esattamente una cena narrativa, vi sarete chiesti? È una cena dove si narra o una narrazione dove si cena? È...