Sorrisi e fagioli

di

Ecco i primi fagioli “Suscieglio” che sono cresciuti. Sorrisi e fagioli perché quando senti la responsabilità di salvare, letteralmente, una specie leguminosa, avverti la responsabilità di poter fallire. Decide la natura: tu puoi metterci amore e perizia, ma la bellezza della natura è anche la sua imprevedibilità.

Dopo mesi di lavoro preparatorio, semina con tutti le realtà del territorio, ecco i primi frutti. Tra pochi giorni si comincerà il raccolto, fatto a tappe, maturazione dopo maturazione, per poi ripiantare nuovamente tutto e passare al secondo raccolto.

Stiamo proseguendo nella salvaguardia del fagiolo “Suscieglio”, coltivandolo e aumentando la sua disponibilità. Non è esagerato affermare che si stanno sciogliendo le tensioni accumulate nei mesi, osservare ogni giorno le piantine, averne cura e vederle crescere e diventare forti.

Il processo è solo all’inizio, ma è un’inizio molto promettente e che ci conforta, una strada lunga ma che porta i primi, concreti risultati. Salvare una coltivazione dalla sua scomparsa è fatica fisica ma anche e soprattutto morale, filosofica, esistenziale. Sentire la responsabilità della terra tra le sue mani, ed è questo il fascino della natura, della vita.

Progetto “Il vicolo dei fagioli”

capofila: Cooperativa Sociale “Al di là dei Sogni

partner: Comune di Cellole (CE), Cooperativa Sociale “Osiride”, Slow Food Massico Roccamonfina, Cooperativa Sociale “Un fiore per la vita”, ASeS Agricoltori Sviluppo e Solidarietà

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

Germoglio di libertà

di

Stanno nascendo i primi germogli del fagiolo cannellino “Suscieglio”. Lo stupore, la felicità dei primi risultati del lavoro. Salvaguardare una coltivazione, il...

Il tempo dell’attesa

di

Sono stati prodotti in seconda coltivazione circa 460 kg di fagioli freschi. Essiccati, sono poco più di 200 kg. Ora stiamo selezionando...

La crescita dei germogli

di

Siamo nella fase più delicata del nostro progetto. Stanno crescendo i germogli del fagiolo “Scuscieglio”. Lo stupore e la meraviglia non vogliono...