Utilità Marginale, numeri di grande impatto al termine del percorso

di

Il 30 giugno scorso si è concluso il progetto di agricoltura sociale Utilità Marginale, promosso da Fondazione Div.ergo-ONLUS di Lecce e sostenuto da Fondazione con il Sud ed Enelcuore onlus.

Un percorso partito ad ottobre 2018 ed inizialmente di due anni, prolungato di ulteriori 8 mesi a causa dell’impatto del COVID-19.

Fig. 1 – Lo svolgimento delle interviste ai destinatari del progetto da parte di Sara Lab

Come da cronoprogramma, al termine del periodo, Sara Lab, partner del progetto ha redatto il rapporto di monitoraggio finale, per poter meglio analizzare gli impatti e gli esiti di quanto messo in campo in questi mesi.

I risultati

Tale lavoro di ricerca a cura del Prof. Enrico Ciavolino, della Dott.ssa Paola Pasca e del
Dott. Matteo Zaterini ha evidenziato che “dall’analisi descrittiva e dai dati (qualitativi e quantitativi) raccolti emerge un quadro complessivo di elevata qualità e partecipazione, di notevole impatto/presenza sul territorio, nonché di crescita e sviluppo globale del progetto. L’impatto sociale ed economico sul territorio riguarda non solo l’entità dei terreni recuperati e utilizzati per l’agricoltura sociale, i prodotti, la loro diffusione, adozione e consumo, ma anche la cura e la coltivazione di relazioni, nate e cresciute in linea con gli iniziali obiettivi del progetto.
Degna di nota è la flessibilità della Fondazione Div.ergo-ONLUS ed dei partner nel reagire
alla situazione pandemica, trasponendo eventi in modalità online o creando contributi nuovi
ma garantendo, al contempo, la continuità lavorativa e delle attività ai destinatari diretti del
progetto. A dispetto delle circostante, questa capacità e sinergia hanno contribuito a mantenere
elevata la qualità dei risultati raggiunti“.

Le interviste ai destinatari

Da segnalare, in particolare, la sezione dedicata alla raccolta ed elaborazione dati sulla percezione dei destinatari rispetto alle attività di cui sono stati partecipi. Quello che si è rafforzato è il senso del “noi” e di appartenenza al progetto, oltre che le competenze tecniche-operative per i 10 giovani con disabilità, così come evidenziato dal grafico wordcloud.

Fig. 2 – Wordcloud realizzato a partire dalle interviste svolte ai giovani con disabilità coinvolti nel progetto.

“I giovani coinvolti nel progetto dimostrano di avere una opportuna conoscenza delle attività
svolte, della loro finalità e del posizionamento all’interno del processo generale di coltivazione,
raccolta e vendita dei micro-ortaggi.

La soddisfazione nei confronti delle attività è molto elevata, anche grazie al supporto e all’accompagnamento degli operatori.

Non sono state segnalate criticità nei confronti di nessun aspetto del tirocinio. I giovani con disabilità coinvolti dimostrano di avere piena dimestichezza dei processi e delle conoscenze specifiche apprese durante lo svolgimento del progetto”.

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

Alla Fondazione Div.ergo-Onlus il certificato QNeST per Utilità marginale

di

Un marchio di qualità e di riconoscimento ideato per certificare le realtà che operano per un turismo sostenibile. La Fondazione Div.ergo-Onlus è...

Una passeggiata nel tempo: la (bio)diversità in evoluzione

di

Si chiama Giornata internazionale del fascino delle piante ed è promossa in tutto il mondo per avvicinare quante più persone possibili all’affascinante mondo delle...

Campagna 5×1000 di Fondazione Div.ergo-ONLUS

di

E’ ufficialmente partita la nuova Campagna 5×1000 di Fondazione Div.ergo-ONLUS che resterà attiva fino al 30 novembre 2022. Oltre all’acquisto di bomboniere...