TRINACRIA BIKE WAGON – LiscaBianca e il carretto siciliano per unire tradizione, nuove-tecnologie, giovani e impresa

di

Coniugare la tutela della tradizione artigianale del carretto siciliano con la sua rifunzionalizzazione, conservandone alcuni elementi, ma integrandoli con nuove e moderne funzioni e con un importante ripensamento in termini di design, al via in Sicilia il progetto Trinacria Bike Wagon

All’interno di Scalo5B ha preso avvio a gennaio il progetto “Trinacria Bike Wagon: design, nuove tecnologie e formazione-lavoro di giovani creativi per l’inclusione sociale e il rinnovamento della tradizione artigianale.” finanziato all’interno del Bando Artigianato  “Iniziativa di valorizzazione dei mestieri artigiani del Mezzogiorno” promossa da Fondazione CON IL SUD (Numero Progetto: 2018-ART-00243).

Come molti mestieri artigianali legati alla tradizione, anche quello del “carradore” – il costruttore di carretto siciliano – sta lentamente scomparendo rischiando di portarsi dietro la perdita di un patrimonio inestimabile di conoscenza, saper fare, storia. E non solo il costruttore, ma anche chi decorava, dipingeva. Parliamo di falegnami, ferrai, pittori, scultori, veri e propri “maestri-artisti” che nella loro bottega hanno dedicato intere vite a un’opera di passione, precisione e abilità trasferita da generazioni a generazioni, spesso all’interno della stessa famiglia.

Anticipando una ricerca sulla storia, tradizione e professioni legate al carretto siciliano, il progetto mira a coniugare la tutela della tradizione artigianale con l’inclusione socio-lavorativa di nuovi potenziali talenti (studenti, disoccupati o inoccupati), sostenendo la nascita di una piccola impresa e di progetti di autoimpiego. La nuova impresa, in particolare, produrrà e commercializzerà sul mercato italiano ed europeo un rimorchio per biciclette progettato integrando componenti tradizionali (in particolare negli elementi decorativi) con elementi innovativi (nei materiali e nelle tecniche). La nuova funzionalizzazione della tradizione artigianale avverrà attraverso il lavoro coordinato di artigiani e designer.

Partendo dai problemi legati al territorio e vedendo nello sviluppo delle relazioni tra diversi soggetti una chiave per garantire pratiche di sviluppo sostenibile, il progetto mette al centro il saper fare dell’artigiano, il sapere digitale del designer e la condivisione delle loro competenze per la riqualificazione urbana attraverso l’avvio dello spazio di lavoro Officina Sociale del Volontariato.

I destinatari del progetto seguiranno laboratori formativi su tecniche artigianali tradizionali (intaglio e pittura), reverse engineering, visual design, fabbricazione digitale, progettazione e prototipazione, business modelling e business development, marketing strategico e sui temi della protezione della proprietà intellettuale e della normativa di impresa.
Successivamente, potranno decidere se partecipare alla creazione e lancio della start-up che produrrà i rimorchio se, invece, seguire un percorso parallelo di avviamento all’auto imprenditorialità.
Anche per questa sfida, eccitante e ambiziosa, LiscaBianca rinnova la vocazione alla costruzione di sinergie con privati, associazioni, Istituzioni e imprese collaborando, nel ruolo di capofila, con Associazione Centro Studi Opera Don Calabria, Regione Sicilia – Dipartimento Regionale dei Beni Culturali e della Identità Siciliana, Associazione SGUARDI URBANI, Associazione Tan Panormi e YAM srl
La durata prevista per il progetto è di 36 mesi, ma ci auspichiamo che da Trinacria Bike Wagon possano nascere esperienze, collaborazioni e iniziative imprenditoriali destinate a crescere e andare ben più lontano.
Dunque, è il caso di dirlo, al lavoro. O, meglio, in sella. Si parte!

Regioni

Ti potrebbe interessare

Trinacria Bike Wagon: il carretto siciliano si rimette in movimento

di

Da oggi, via libera alle iscrizioni al percorso formativo “Innovazione dei saperi artigianali: il Carretto 4.0” realizzato all’interno del progetto Trinacria Bike...

Il mestiere quasi scomparso del fabbro di carretto siciliano: nella fucina di Antonino Cangialosi a Bagheria

di

Entrati nella fucina di Antonino Cangialosi a Bagheria abbiamo subito la sensazione di essere molto fortunati ad essere lì e a potere...

In giro per il mondo ma portando sempre con sè la passione per il carretto: la storia del pittore Felice Sciré

di

La storia di Felice Sciré e della sua famiglia è una storia comune a molti artigiani del carretto, soprattutto per coloro che...