Cambiare modello di agricoltura: “servono relazioni umane e sostenibilità”

di

Il ‘mondo agricolo’ ha bisogno di “cambia –menti” e con i giovani è possibile creare percorsi nuovi e alternativi. Lo ha testimoniato Giuseppe Savino, contadino pugliese felice, che ha cambiato il paradigma attivando una agricoltura che nella relazione affonda la sue radici ne trae forza.

Savino è stato a Ragusa, protagonista di due incontri, il primo con le istituzioni, il secondo con gli agricoltori e aperto alla cittadinanza, invitato da TFT – Trasformare la fascia trasformata, progetto sostenuto da Fondazione CON IL SUD.  E nella fascia trasformata iblea, territorio difficile di serricoltura spesso non rispettosa dell’ambiente e dei diritti dei lavoratori, ha portato la sua esperienza che, in Puglia, ha trasformato la produzione agricola in una esperienza da condividere con i consumatori, accorciando le distanze e sfondando il muro di ‘solitudine’che spesso circonda chi coltiva la terra.

E’un senso della terra che ci avvicina anche all’Enciclica ‘Laudato sii’ di Papa Francesco – ha detto il Vescovo di Ragusa, monsignor Giuseppe La Placa commentando il senso degli incontri con Savino-, non una terra da sfruttare ma una terra da contemplare in tutta la sua bellezza, che diventa il motore che sottolinea la nostra umana necessità di dialogo e relazione”.

Giuseppe Savino, ideatore di ‘Vazapp’  e delle ‘Contadinner’ ha spiegato i meccanismi della trasformazione. In base all’esperienza del suo gruppo di lavoro – una quindicina di giovani trentenni – che coinvolge anche il mondo accademico, “i territori cambiano perché cambia l’approccio delle persone;  sono le persone a determinare i percorsi di un territorio con persone che hanno voglia innanzitutto di creare economie buone, dove il mondo agricolo deve fare entrare una nuova consapevolezza: lavorare ma nel rispetto dell’ambiente, della natura e delle persone, per avere una produzione ‘felice’, dove coltivare la terra non sia una scelta obbligata e l’ultima opzione, ma un sogno di persone che decidono, scelgono la terra per coltivare bellezza”.

Un messaggio quasi di evangelizzazione che nasce dal rapporto con un prete ‘visionario’, padre Michele De Paolis, che ha piantato il seme della fiducia in un gruppo di giovani pugliesi. Un solo impegno, quello di raccogliere risorse per formare altri gruppi, per alimentare il sogno di un’altra agricoltura possibile.

Accorciare la distanza tra produttore e consumatore, produrre quando basta per valorizzare il prodotto e farlo cogliere direttamente dalle mani di chi ha voglia di fruirne, rendere i braccianti – liberati dall’onere di cogliere frutta e verdura – ‘ab-braccianti’, pronti ad accogliere i clienti/consumatori e di spiegare loro le tecniche di raccolta a trasformazione dei prodotti. Il tutto accompagnato da una scenografia ‘instagrammabile’ in cui la bellezza del contorno, fa da cornice alla bontà e genuinità del prodotto che lo stesso contadino promuove raccontando la sua storia. Architetti per progettare i campi con un occhio attento alla cultura e alle tradizioni, il rispetto del ciclo delle stagioni, la sacralità del rispetto della terra, fotografi, ma anche grafici e produttori di packaging, che Savino definisce ‘dispositivi’, che rendono ancora più bella l’esperienza della raccolta. E poi un giusto prezzo che sarà sempre superiore al prodotto venduto ad un mediatore

“Le dinamiche cambiano quando ci si arricchisce delle esperienze e della diversità delle altre persone, di altre professionalità – ha spiegato Savino -. Il mondo agricolo non si arricchisce solo quando si fanno ragionare agricoltori tra di loro ma se si fanno entrare altre idee e esperienze. E’la diversità che genera cambiamenti e diventa opportunità per i territori”.

Non produrre di più ma produrre meglio, così, ad esempio, l’ettaro di terreno coltivato a zucche serve a mettere in scena la raccolta che viene fatta dai clienti, e l’intagliatura delle zucche in famiglia per celebrare non halloween ma ‘el dia de los muertos’ tra colori, e celebrazioni festose, o la raccolta delle olive da fare assieme è un momento di conoscenza del prodotto, della molitura e dell’assaggio.

Le ‘contadinner’ diventano lo spazio di confronto e di conoscenza reciproca dove la garanzia è quella di tornare con una quantità di conoscenze e conoscenti migliore e maggiore di  quando sei arrivato.

Il senso dell’incontro nelle parole di Vincenzo La Monica, coordinatore del progetto TFT – Trasformare la fascia trasformata: “In questi anni, assieme a tutti i partner del progetto, abbiamo riflettuto sui modelli di cambiamento che potessero incidere sulla persona: dalla dignità dell’individuo, al decoro dell’ambiente in cui vive, al rispetto dei diritti anche come lavoratore agricolo. Questo cambio di paradigma, proposto da Savino è una riflessione su un modello di trasformazione, scientificamente testato, economicamente e socialmente sostenibile, che abbiamo ritenuto utile proporre come spunto di riflessione anche nella nostra complessa fascia trasformata”.

La terra è casa, casa comune da condividere e valorizzare.

Regioni

Ti potrebbe interessare

‘Stato di necessità’, le sinergie per uscire dallo sfruttamento in agricoltura

di

Progettare e programmare insieme, può essere uno strumento strategico per attivare duraturi percorsi di fuoriuscita dallo sfruttamento lavorativo in agricoltura che coinvolge...

La COP torna a riunirsi in presenza: due giorni per fare il punto e guardare al futuro

di

È stato bello tornare a vedersi in presenza. Per confrontarsi, progettare, guardare al futuro. La COP, Comunità di operatori progettuali, del progetto...

Testimonianze, soluzioni e approccio di sistema per la riqualificazione ambientale

di

Sono state le testimonianze di Paola Gurrieri, Antonio Cassarino, Gaetano Nicosia, Lorenzo Cannella e Riccardo Gentile ad arricchire il focus organizzato dal...