A Palermo la terza edizione del Jail Career Day del progetto Svolta all’Albergheria!

di

Si è tenuto giovedì 13 giugno, negli spazi dello SCALO 5B – Lisca Bianca, all’interno della Fiera del Mediterraneo, la terza edizione del Jail Career Day, la seconda a Palermo dopo quella di Siracusa.
Si è scritto un altro bellissimo capitolo del progetto Svolta all’Albergheria sostenuto da Fondazione con il Sud.
C’è stata la massiccia partecipazione di oltre 70 he si sono registrate per incontrare le 40 persone persone profilate e inserite in percorsi di professionalizzazione e supporto all’autonomia lavorativa, realizzate in collaborazione con Next – Nuove Energie X il Territorio.
L’evento è una preziosa occasione di networking che ha lo scopo di supportare l’inserimento lavorativo delle persone in esecuzione di pena e vuole sensibilizzare la comunità e le imprese sull’importanza di una vera giustizia di comunità.

jail career day palermo

Stefano Consiglio, Presidente di Fondazione con il Sud, ha inviato un video messaggio a tutti i partecipanti.

“Proprio in questi giorni parte un nuovo bando dedicato alle persone private della libertà personale e Fondazione con il Sud crede molto in queste opportunità e quello che si sta facendo in Sicilia, nei carceri di Palermo e Siracusa dimostra che è possibile, che se si dà una speranza e un’opportunità e se si lavora sull’imparare e sul fare, i risultati vengono ed è possibile migliorare la vita di tante persone e di tante famiglie. Grazie a questa iniziativa ci date la possibilità di dimostrare che è possibile fare delle cose legate all’articolo 27 della nostra costituzione, ma soprattutto incidere sulla vita delle persone.” 

Piergiorgio Morosini, Presidente del Tribunale di Palermo, ha sottolineato l’importanza di lavorare sulla costruzione di una rete e sull’eliminazione dei pregiudizi e ciò può avere benefici sui singoli e sulla comunità 

“Interpreto questa occasione come un messaggio di speranza verso chi vuole ricostruirsi una vita; è un contributo autentico verso persone che hanno sbagliato e per il loro inserimento.
Qui si punta su qualcosa di molto prezioso ovvero l’alleanza tra diversi protagonisti e con chi ha scontato con il carcere i suoi errori.  Se spesso il carcere è necessario è altrettanto necessario rendere le persone socialmente recuperabili e non lasciarle alla mercé di certe logiche e di certi contesti, soprattutto nel nostro territorio, per contrastare ogni forma di criminalità soprattutto quelle di matrice mafiosa. Ma è fondamentale la disponibilità di tutti gli attori protagonisti, il coraggio e la volontà di superare dei pregiudizi ed è forse questo il punto problematico, al di là di quelle che possono essere le risposte del legislatore e delle istituzioni.”

jail career day palermo

jail career day palermo

jail career day palermo

jail career day palermo

jail career day palermo

Voce agli imprenditori che hanno sottolineato il valore di iniziative come queste a vantaggio delle imprese, sia per vantaggi di tipo fiscale sia per la creazione di valore aziendale che passa da scelte di tipo etico.

Marco Durastanti, di Villa Costanza, dopo l’esperienza del primo Jail Career Day, ha abbattuto i pregiudizi e scelto di assumere e avviare tirocini. 

“È bellissimo conoscere un mondo a cui mi sono approcciato con scetticismo.
Siamo sempre giudicati e giudichiamo, e avevo molti dubbi e molte paure, ma il primo Jail Career Day mi ha permesso di conoscere un mondo empaticamente molto forte. Ho avuto l’occasione di ascoltare donne e uomini che raccontando le loro storie fanno cadere tutti i filtri, si instaura un rapporto e vivere tutto questo mi è servito a superare la paura. Adesso la svolta è avvenuta! È una grande opportunità per le aziende perché c’è difficoltà a trovare risorse. Mohammed, che lavora con noi oggi, è l’esempio di come a volte una persona su cui tu non avresti scommesso si dimostra migliore, in termini di lavoro, di persone che non hanno lo stesso trascorso.” 

Stefania MIlano, del gruppo Virga & Milano, che già da tempo è impegnato nell’assunzione di personale per i suoi locali. 

“Un imprenditore si assume un rischio, è vero, ma sono stata subito d’accordo a intraprendere questo percorso. Nel nostro caso la spinta in più è arrivata anche da parte di tutti i ragazzi di sala e cucina. C’è la voglia di arricchirsi, lavorando a contatto con una persona che ha voglia di riscatto perché vengono fuori occasioni importanti. Per questo abbiamo deciso di continuare su questa linea.”
Monica Di Gaetano e Giovanni Catalano della Pasticceria Oscar, che hanno supportato il progetto Cotti in Fragranza sin dal principio, seguendo la formazione dei ragazzi all’interno dell’IPM Malaspina e donando le ricette dei primi biscotti. 

“Da oltre 15 anni insegno dentro al carcere, ho conosciuto tante persone ed è stata un’escalation pazzesca – le parole di Giovanni Catalano – ho scelto poi di portare questa esperienza anche in azienda”.
“La nostra è una testimonianza di amore. – interviene Monica Di Gaetano – Abbiamo avuto l’occasione di avvicinarci a queste persone, di stargli accanto, si sono fidate di noi e nella nostra azienda sono cresciute professionalmente. Il pregiudizio è molto forte anche da parte delle famiglie e noi dobbiamo supportarle, offrire un’opportunità.” 

A dare il via al Jail Career Day, prima di entrare nel cuore degli incontri professionali, le parole di Nadia Lodato, coordinatrice del progetto Svolta all’Albergheria! 

“Dobbiamo ribadire che il reato non è la persona, ma un fatto circoscritto.
E per chi deve scontare o ha scontato una pena, non si deve parlare di seconda possibilità, ma di una prima possibilità.
Il carcere non può essere privazione di ogni diritto, noi siamo qui per un percorso di accompagnamento fuori dal carcere e nulla è possibile se non ci si mette in connessione.
A partire da questo è nato il progetto che ci ha portato qui, dove ci sono aziende, la parte produttiva della Sicilia, che non hanno pregiudizi, sono qui in ascolto e non hanno paura di mettersi in gioco.

Chi oggi partecipa ai colloqui – conclude Nadia Lodato – può dimostrare alle famiglie che è possibile essere portatori di benessere per la città.” 

Salvatrice Rizzo, Dirigente Servizio XII – Centro per l’impiego Palermo e Monreale, ha parlato dell’impegno attuale e dei progetti in campo per il futuro, cruciali per colmare il gap tra domanda e offerta di questo periodo. 

Jail Career Day Palermo

“Il centro per l’impiego è il luogo istituzionalmente competente per creare l’incontro nel mondo del lavoro, ha l’impegno di farsi conoscere e lavorare sul territorio e deve essere al centro per la costruzione di quelle competenze che portano le persone a colmare, tassello dopo tassello, il gap tra aziende e lavoratori. 

È importante per fare tutto ciò creare una rete solida, dove ci si prende l’impegno con le associazioni di categoria di capire qual è l’esigenza dei lavoratori e dell’azienda e fidelizzare le imprese tramite tutta una serie di incentivi che ci sono e non vengono conosciuti e comunicati. 

Si deve inoltre intervenire sulla programmazione dei fondi europei, strumenti che se ben utilizzati possono dare benefici ad aziende e lavoratori.”

Francesca Costa, Presidente Confesercenti Palermo, presente con diverse aziende della sua associazione, ha sottolineato la necessità di farsi portavoce dei bisogni di diversi settori e di partire dal valore dell’inclusione.

Jail Career Day Palermo

“Inclusione significa valorizzazione delle competenze e non recupero delle persone.  Se a chi è stato in un istituto di pena, si dà l’occasione di formarsi e di lavorare, le statistiche  dimostrano a quanti benefici tutto ciò può portare.  Le nostre aziende sono qui oggi, hanno scelto di esserlo, non hanno avuto nessun tentennamento e significa che siamo cresciuti, che questa società sta cambiando. Oggi assisteremo a questi momenti di matching e siamo sicuri che sarà un momento utile anche per le aziende, che avranno beneficio da questi incontri.”

L’intervento di Domenico Pistone, Coordinatore Legacoop Sicilia Occidentale, che da sempre sostiene l’iniziativa.  

Jail Career Day Palermo

“Quella di stasera è una straordinaria occasione per promuovere e rilanciare i nostri principi e mettere in pratica ciò che fa parte della nostra missione. Abbiamo la responsabilità di valorizzare le persone, mettere insieme economia, lavoro e opportunità e di riuscire, attraverso l’incontro tra diverse realtà, di diventare ponte per gli altri.  Non lasceremo solo chi vuole percorrere un percorso di riscatto.”

Giuseppe La Vecchia, Presidente Provinciale CNA, ha concluso gli interventi e dato il via ai momenti di matching.

Jail Career Day Palermo

Bisogna dare l’occasione alle persone di esprimere la loro dignità, superare il pregiudizio. Queste stesse persone possono aiutare gli imprenditori attraverso il dialogo e il confronto, perché possiamo crescere insieme e superare questo momento di difficoltà che stanno vivendo le aziende nel reperire persone.”

 

Regioni

Argomenti

Ti potrebbe interessare

Una ricetta di riscatto: i panettoni Cotti in Fragranza per il Natale 2023

di

Il laboratorio di Casa San Francesco, nel cuore del quartiere Albergheria di Palermo, profuma di Natale. Qui hanno sede diverse attività di...

Il Natale buono (in tutti i sensi) di Cotti in Fragranza

di

Natale è sempre un periodo molto importante per il nostro progetto sostenuto dalla Fondazione CON IL SUD, e oggi vorremmo raccontarvi le...

Svolta all’Albergheria! Il Jail Career Day fa tappa a Siracusa

di

Il 19 ottobre, negli spazi dell’ Urban Center Siracusa, si terrà il Jail Career Day, un evento di respiro regionale realizzato in...