Alghero, un “Pensiero felice” per i ragazzi disabili

di

Un gruppo di ragazzi dell'Associazione di Alghero partecipa a un evento carnevalesco

«Presiedo questa Associazione dal 2010. Alcune mamme chiesero il mio aiuto per creare qualcosa a favore dei ragazzi disabili di Alghero, completamente dimenticati dalle istituzioni e non solo. Ero appena andata in pensione, così affrontai il problema con l’entusiasmo che sempre metto nelle cose. Ed eccoci qui, a proseguire il cammino». A parlare è Ombretta Armani, presidente dell’associazione “Volontari Pensiero felice” Odv, con sede nella cittadina catalana.

Come è nata l’avventura. Una mamma, tuttora vicepresidente, le raccontò la sua storia. Lavorava come infermiera in una struttura del Cottolengo e una piccola bimba, abbandonata prima dai genitori naturali e poi da due genitori adottivi, la guardava e sorrideva. Solo con lei riusciva in qualche modo a relazionarsi. Fu amore a prima vista. Col consenso del marito e della figlia naturale, decise di adottarla. La sua più grande preoccupazione, però, era ed è il “dopo di noi”. Fu a quel punto che Ombretta Armani prese coscienza di quel problema e decise di buttarsi nell’impresa a capofitto. Insieme ad altri concittadini, organizzò manifestazioni pubbliche, anche di grande effetto, e fu così che fu individuata la sede che avrebbe ospitato una sorta di centro diurno.

La svolta. I volontari si moltiplicarono. La prima raccolta fondi servì ad un pulmino usato. Armani avrebbe voluto cedere presto il testimone, per godersi la meritata pensione, ma oggi è ancora lì, a guidare i volontari, i soci e i genitori di questo gruppo di ragazzi speciali. Gestione, organizzazione, contabilità, pubbliche relazioni, pratiche burocratiche, rapporti con le istituzioni e con i mezzi di comunicazione: le cose da fare non mancano di certo. Per fortuna il gruppo è coeso e si fonda sulla collaborazione, l’affetto e l’amicizia di quanti ancora operano all’interno dell’Associazione. «Non mancano i momenti di difficoltà», ammette la presidente. «Ma quando i ragazzi ci accolgono con un sorriso, ci abbracciano e ci raccontano il loro vissuto quotidiano, il cuore si apre e godiamo tutti della grande famiglia che siamo riusciti a creare. E allora mi torna in mente la frase che mi disse una mamma: “Loro non ti tradiranno mai”. Così i problemi e le difficoltà svaniscono all’improvviso. Tutti noi siamo felici di stare ancora insieme».

Le finalità. L’Associazione è nata dall’idea e dal bisogno di creare un supporto, un sostegno e una collaborazione con e per i diversamente abili e le loro famiglie. In concreto, gestisce il Centro socio-ricreativo-culturale “Pensiero felice” per persone fragili, fortemente voluto dai familiari dei ragazzi che, stanchi dell’isolamento vissuto dai loro figli e preoccupati per il loro futuro, consapevoli di come sia necessario per le persone diversamente abili avere luoghi di riferimento e momenti socio-educativi, coinvolsero volontari, assistenti ed educatori per fare in modo che l’erogazione del servizio alla persona disabile diventasse un’azione inserita e interagente con le dinamiche della comunità a cui ciascun individuo appartiene.

Le attività. Al Centro “Pensiero felice” si mangia, si gioca, si balla, si suona la musica, si ride, si partecipa alle sfilate di carnevale e a “Monumenti Aperti”, si fanno progetti con le scuole e attività di integrazione con bambini, ragazzi, ospiti delle Case di riposo. Il pulmino, utilizzato non solo per il trasporto dei ragazzi da e per il Centro ma anche per gite, viaggi ed escursioni, ormai va sostituito. Grazie al sostegno della Fondazione Con il Sud, l’Associazione acquisterà un nuovo mezzo.

 

Contatti

Indirizzo: via Don Minzoni 156/G – 07041 Alghero (Sassari)

Tel.: 339-3842790

email: volontaripensierofelice@gmail.com

Giorni d’apertura: martedì, giovedì, sabato e domenica

PENTAX Image

Articolo di Luigi Alfonso, con la collaborazione di Ombretta Armani

Regioni

Ti potrebbe interessare

Disabilità, la Uildm Sassari in difesa dei diritti delle persone

di

Nata nel 1975 su iniziativa di Pinuccio Cau, genitore di due ragazzi con distrofia muscolare, la Sezione Uildm (Unione Italiana Lotta alla...

L’associazione “Mariangela Pinna”, trent’anni in cammino con i pazienti oncologici

di

Trent’anni appena compiuti e non sentirli. L’Associazione di Oncologia “Mariangela Pinna” è stata costituita il 24 febbraio 1992 a Sassari, in ricordo...

“Ci sono anche io”, l’attenzione dell’Avis Perfugas per i “dimenticati”

di

L’Avis comunale di Perfugas nasce nel 1979. Inizialmente l’unica attività era la raccolta di sangue, importantissima ovunque ma a maggior ragione in...