La Community di #PollinoFuture: comunicazione e sensibilizzazione ambientale attraverso i social network

di

 

Accanto al tema dell’INNOVAZIONE TECNOLOGICA, per una gestione più efficace dell’emergenza incendi nell’area del Parco Nazionale del Pollino, il progetto Pollino Future mette in primo piano anche le azioni di SENSIBILIZZAZIONE della cittadinanza sui temi ambientali. La convinzione è quella che, per un cambiamento importante e duraturo, sia necessario intervenire non solo da un punto di vista pratico, con strumenti moderni e innovativi, ma anche da un punto di vista culturale, con il coinvolgimento attivo della popolazione e una diffusa educazione sulle buone pratiche per la TUTELA dell’ambiente e del territorio.

Di pari passo con la comunicazione tradizionale, che utilizza i classici canali della carta stampata, radio, tv, e con quella che prevede incontri “face to face” con la cittadinanza sui territori, l’esigenza di creare una COMMUNITY, una rete di persone che interagiscono con un obiettivo o un interesse comune, superando le distanze fisiche, le lontananze temporali e le differenze di posizione, trova un riscontro perfetto nell’utilizzo dei social media, in particolare della pagina Facebook.

La testimonianza dell’interesse della popolazione per l’ambiente e per la difesa e la tutela dei territori di appartenenza è nei numeri della pagina Facebook “Pollino Future”: in pochi mesi sono stati quasi 3600 i LIKE, con picchi di circa 9000 VISUALIZZAZIONI sulle notizie di maggior interesse.

 

Post più visualizzati della pagina Facebook @pollinofuture#PollinoFuture (questo, l’hashtag utilizzato dalla Community) è una finestra aperta sul Parco Nazionale più esteso d’Italia. È un aggiornamento in tempo reale sulle azioni messe in campo dalla Rete dei partner del progetto e sulle emergenze ambientali che si verificano nel territorio considerato (incendi, eventi naturali, ecc.). È il “racconto” delle bellezze e dei “tesori”, a volte sconosciuti, dei 55 paesi dei versanti lucano e calabrese del Parco, descritti nelle loro caratteristiche principali, accompagnato da immagini suggestive che li ritraggono nella splendida cornice naturale che li circonda. È un piccolo atlante della flora e della fauna che popolano i boschi e le valli del Pollino, specie rare e protette, descritte con immagini uniche e suggestive.

Notizie e racconti che hanno suscitato l’interesse di questa Community che ha di volta in volta interagito, commentato, condiviso. Che si è emozionata leggendo il racconto del proprio paese di origine, guardando la prima neve sulle montagne del Pollino, e si è indignata e ha sofferto di fronte alle immagini del fuoco, che devasta e “ruba” quel patrimonio comune.

 

Numerosi anche i messaggi privati, inviati per chiedere informazioni, curiosità o esprimere un’impressione, con una reattività nella risposta pari all’80%: l’utente ha ricevuto cioè sempre risposte rapide ai propri quesiti, sentendosi in contatto diretto con gli amministratori della pagina.

Ampia la fascia di popolazione raggiunta: la sfida è quella di andare oltre la fascia dei più giovani, che utilizzano quotidianamente i social network come strumento di comunicazione, e coinvolgere anche utenti di età più avanzata. Un obiettivo raggiunto, a testimonianza di come Facebook possa essere considerato sempre di più uno strumento universale di condivisione delle informazioni.

 

 

È una Community, quella di #PollinoFuture, che mostra l’esigenza di essere informata sulle questioni che riguardano l’ambiente e il territorio. Una rete di utenti che interagisce con frequenza, che legge le notizie con attenzione, che le diffonde ad altri utenti, su altri canali. Una risorsa utilissima per quel processo di sensibilizzazione ambientale che rappresenta il cuore del progetto e una testimonianza dell’esistenza di una coscienza ambientale molto più diffusa di quello che sembra e che ha soltanto necessità di essere stimolata con contenuti validi e mirati.

Argomenti

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK