In-Dipendenze, percorsi di educazione ai media e alla tecnologia per adolescenti e famiglie

di

Per la rete del progetto In-Dipendenze l’educazione è uno dei vertici prioritari di intervento, realizzato grazie alla collaborazione e al coinvolgimento attivo delle scuole del territorio in una delle principali azioni progettuali.

In questi mesi sono diverse le attività laboratoriali che hanno visto impegnati adolescenti e preadolescenti delle scuole di Palermo in un percorso sulla cittadinanza digitale e sull’acquisizione di nuove competenze per un uso corretto dei media. Nelle classi della Scuola Valdese,  dell’Istituto Comprensivo Antonio Ugo, del Gonzaga Campus e dell’SSPG Lonardo Da Vinci, le educatrici e gli educatori hanno iniziato a lavorare sulla gestione delle emozioni online, imparando a riconoscerle e denominarle. Per vivere in un ambiente digitale sano, caratterizzato dal rispetto per l’altro/a e dalla stessa capacità di empatia che impariamo a sviluppare nella vita offline, è fondamentale che tutte le persone che lo frequentano ne conoscano le potenzialità e i possibili rischi, ma soprattutto che siano consapevoli di come i social media e più in generale il web siano luoghi di espressione e di relazioni sociali, anche se comunichiamo scambiandoci meme ed emoji.

Oltre alle attività nelle scuole, il percorso sta coinvolgendo insegnanti e genitori che a Palermo possono contare su uno spazio sicuro di supporto e formazione al quale rivolgersi. “L’obiettivo strategico del progetto è proprio quello di educare i giovani e anche gli adulti ad un utilizzo consapevole delle nuove tecnologie”, spiega Riccardo Ganazzoli, dirigente scolastico di una delle scuole coinvolte, l’I.C.S. “Antonio Ugo” di Palermo. Gli ambulatori “Spazio Offline”, all’intendo dei quali operano le psicoterapeute e gli psicoterapeuti del Centro Diaconale “La Noce” – Istituto Valdese e dell’Area Sociale e Formativa – Istituto don Calabria, offrono percorsi di formazione su strategie relazionali per un utilizzo consapevole e propositivo dei new media nel corso della delicata fase di crescita dei ragazzi e delle ragazze, ma anche interventi di psicoterapia sociale individuale e di gruppo. “La scuola non sempre riesce a dare delle risposte alle famiglie, specie quando occorre portare avanti interventi più lunghi”, aggiunge Giovanna Genco, dirigente scolastica dell’I. C. S. “De Amicis-Da Vinci” di Palermo. “Grazie a interventi come quelli proposti da In-Dipendenze riusciamo ad indirizzare le famiglie verso un servizio che ha dei validi professionisti”.

Per prendere un appuntamento e accedere allo sportello basterà contattare i seguenti numeri o inviare una mail:

📌 Centro Diaconale “La Noce”: 3510558809
spaziooffline@lanoce.org

📌 Istituto Don Calabria: 3898528698
spazioffline@doncalabriaeuropa.org

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

Giovani e videogiochi: i consigli della cyberpsicologa Viola Nicolucci

di

Il videogioco come strumento educativo o nei percorsi di apprendimento, come trattamento di medicina digitale, espediente per socializzare, costruire la propria identità,...

Noce e Ballarò, doppia inaugurazione per “Spazio Offline”. All’ambulatorio potranno accedere adolescenti e adulti

di

Inaugurato nel quartiere Noce il primo ambulatorio dedicato ai giovani per un uso consapevole dei dispositivi e della rete. Lunedì 10 ottobre...

In-Dipendenze: a lezione di cittadinanza digitale sin dalla scuola primaria

di

I dispositivi tecnologici e di conseguenza l’utilizzo della rete, sono elementi integranti nella nostra quotidianità: li usiamo come strumenti di lavoro, monitorano...