Il coraggio di Paolo che sfida la sua paura per potare l’albero d’ulivo

di

Paolo si è fatto coraggio ed è salito sull’albero d’ulivo. Non aveva ancora provato questa esperienza, ma finalmente ha vinto una delle sue paure ed è arrivato fin lassù, dove prima credeva di non poter mai arrivare. E’ salito i questi giorni, come il protagonista del libro “Il barone rampante” di Italo Calvino. Ma non lo ha fatto per capriccio o per un piatto di lumache, ma perché occorreva trinciare i residui della potatura effettuata prima che l’emergenza sanitaria del Coronavirus bloccasse tutte le attività. Comprese le attività agricole legate al progetto “Hopeificio” promosso da Medtraining e sostenuto da Fondazione CON IL SUD, che vede Paolo ed ad altri due compagni di viaggio con disabilità psichica tra i braccianti agricoli assunti dalla cooperativa sociale Ortovolante impegnati nella campagna olearia sui terreni dell’ASP “Castriota e Corroppoli” di Chieuti.

In questi giorni Paolo ed i suoi compagni sono tornati sui campi per proseguire alcune attività. Oltre a trinciare i residui della potatura, i braccianti del progetto “Hopeificio” – sempre seguiti dagli operatori e dall’agronomo Francesco Di Lucia – hanno tagliato i succhioni (potatura verde) e terminato la concimazione organica. Non solo. Perché sono impegnati anche nel togliere le erbacce che ostacolano la crescita delle giovani piante del nuovo oliveto messo a dimora ad ottobre. Svolgono le loro attività agricole sempre nel pieno rispetto di tutti i parametri di sicurezza previsti dall’emergenza sanitaria causata dal Covid-19. E così, anche in questa difficile Fase 2, il progetto “Hopeificio” prosegue senza troppi ostacoli e si prepara alla prossima stagione olearia.

Del resto, il loro percorso di formazione teorica e pratica connesso al ciclo produttivo dell’olio extravergine si è ormai perfezionato e prevede: potatura, raccolta delle olive, molitura ed imbottigliamento dell’olio. Parliamo dell’olio extravergine d’oliva “Volìo”, l’olio dal gusto dell’inclusione sociale e lavorativa, che ha l’obiettivo di rafforzare l’offerta di servizi rivolti a persone con disabilità psichica e contrastare lo stigma nei confronti di quanti affetti da questa forma di disagio.

Regioni

Ti potrebbe interessare

“Hopeificio”, iniziati i lavori di potatura degli ulivi in vista della nuova stagione di raccolta

di

Hanno ripreso a lavorare sui terreni per prepararsi alla nuova stagione di raccolta delle olive. In questi giorni, infatti, seguiti dagli operatori...

“Volìo pasquale”, l’olio extravergine d’oliva contro lo stigma della salute mentale

di

I primi hanno provveduto a confezionare e a personalizzare le bottiglie di “Volío”, l’olio extravergine d’oliva dal gusto dell’inclusione sociale e lavorativa,...

Dalle notti in stazione al lavoro nei campi. Il riscatto di Paolo ha il profumo dell’olio d’oliva grazie ad “Hopeificio”

di

In questo momento di blocco forzato di tutte le attività a causa del Coronavirus, ci piace poterci soffermare sulla storia di alcuni...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK