Gioco d’azzardo, storia di un ragazzo: “Ho ricominciato a sognare”

di

Contrasto al gioco d’azzardo, sul piano sociale grazie al progetto Game Over, il percorso per uscire dalla dipendenza ha nuove possibilità ed alleati. La storia di Generoso, 19 anni ospite del gruppo appartamento ad Acerra, nel Napoletano, rafforza la speranza.

L’ultima relazione della Dia nazionale è chiara: il gioco d’azzardo è completamente sotto il controllo delle mafie come ‘fonte primaria di guadagno e riciclaggio verosimilmente superiore al traffico di stupefacenti, alle estorsioni e all’usura‘. Il rapporto investigativo non lascia dubbi sugli interessi criminali e questo apre un doppio scenario di contrasto, da una parte quello giudiziario e dall’altra quello sociale. La ricaduta del gioco d’azzardo e dei profitti illeciti che questo genera, è infatti anche sulle vite delle persone che una volta entrate nel girone infernale della ludopatia ne vengono completamente investiste, perdendo punti di riferimento, famiglie e dignità. Per uscirne il percorso non è semplice ma assolutamente possibile e necessario.

È su questo versante che cooperative ed istituzioni sanitarie hanno deciso di mettersi insieme. Una sinergica collaborazione siglata con il progetto Game Over finanziato da Fondazione CON IL SUD per il contrasto delle dipendenze in particolare quella dal gioco d’azzardo. L’idea progettuale si fonda sulla consapevolezza che per offrire risposte adeguate ai bisogni complessi, espressi da singoli individui, bisogna partire dalle loro famiglie con il coinvolgimento della comunità territoriale. Il progetto è nato grazie ad un significativo partenariato capeggiato dalla cooperativa sociale Officina dei Talenti, in prima linea con le cooperative sociali Un Fiore per la vita, Regina Pacis, Il Millepiedi, P.a.s.s. e l’Azienda sanitaria locale Napoli 2 nord. Un’Asl periferica ma centrale per gli obiettivi di salute pubblica di circa 1,3 milioni di abitanti. Tra le attività messe in campo anche il Gruppo Appartamento Stop and go nato ad Acerra, comune del Napoletano, dove convivono quattro persone con dipendenze. Il primo ad arrivare dopo un percorso terapeutico individualizzato (Ptri), già avviato con il Serd dell’Asl Na2 Nord e dagli ottimi esisti, è stato Generoso, il nome è di fantasia.

Generoso, ha solo 19 anni ma la vita lo ha già messo duramente alla prova. “Mi hanno dato un’opportunità che non sarà sprecata. Voglio dimostrare di potercela fare, lo voglio fare per me, per mia madre”, dice Generoso mentre mostra orgoglioso i locali dell’appartamento che sarà per qualche tempo casa sua.   Nato e cresciuto ad Afragola, ad otto anni giocava a guardie e ladri ma il ruolo che si ritagliava non era quello dell’uomo in divisa. Il papà è in carcere dal 2008 per camorra. “Avvertivo tutte le tensioni anche quando ero molto piccolo, non sapevo esattamente che tipo di vita conducesse mio padre ma sentivo l’inadeguatezza. Lo guardavo, mi guardavo e volevo assomigliargli in tutto. A 10 anni ho cominciato a spacciare droga. Non ho mai capito veramente cosa voglia dire sentirsi al sicuro. Quelli che credevo amici erano in verità tutt’altro ed è stato un primo passo verso la libertà, riuscire a rompere con loro completamente i ponti”. Il mondo delle dipendenze Generoso, lo conosce da vicino e non teme di ammetterlo con franchezza. È sveglio e coglie al volo le parole ed i suggerimenti, legge lo sguardo dei suoi educatori e si destreggia nel difficile mondo del cambiamento con convinzione. Sorride perché è contento dell’occasione che gli viene data con l’ospitalità allo Stop and go, chiamato così nel tentativo di rappresentare plasticamente l’affrancamento dai nostri errori.

 “Sentivo il bisogno di un padre e volevo che lui fosse fiero di me. Mia madre l’ho fatta penare, povera donna. Tra il lavoro e gli altri figli non riusciva a starmi dietro e le ho reso la vita più complicata di quanto in realtà non fosse. Spesso è venuta a prendermi di peso per portarmi via da quelle assurde situazioni nelle quali riuscivo ogni volta a cacciarmi. È bello ora abbracciarla con la piena consapevolezza che è contenta di me e lo è anche mio padre. Lui che malgrado tutto non ha mai voluto che io potessi seguire il suo esempio ed è riuscito a dirmelo quando gli ho comunicato di voler ripartire da questa occasione di riscatto. Mi ha detto di non aver avuto scelte, spingendomi ad andare avanti con convinzione perché dei soldi non te ne fai niente se non hai il rispetto per te stesso ed il calore della famiglia”. Mentre Generoso pronuncia queste parole è serio ed anche il suo linguaggio non verbale, muta. La schiena si raddrizza e lo sguardo è fermo.

È un giovane uomo alle prese con il mondo delle emozioni e forse di alcune non ne ha ancora scoperto fino in fondo il valore. La sua vita è segnata dal cambiamento e dall’inevitabile mutamento, questo Generoso lo sa, così come conosce quando è effettivamente avvenuta la svolta. L’evento traumatico, così come direbbero gli psicologi, è datato. “Era il 13 maggio ed era di martedì, fu la prima volta in cui venni portato davanti ad un giudice. Chiese quale fosse il mio cognome e chi fosse mio padre e senza neppure alzare lo sguardo dai fogli, senza mai guardarmi in volto, mi liquidò dicendomi con una violenza che mai avrei pensato potesse essere racchiusa nelle parole che viste le mie origini avevo sicuramente la carriera assicurata e non sarei morto di vecchiaia. Mi fece male, sentii tristezza, disgusto, paura e rabbia montarmi dentro. Doveva avere il volto buono ed invece mi parve come uno dei tanti aguzzini incontrati. Da quel momento ho capito che la mia vita doveva essere un’altra e che non avrei sprecato alcuna occasione”. Una promessa che ha fatto a se stesso prima che ad altri e Generoso ha tutte le intenzioni di mantenerla. Ha ripreso il controllo della sua vita e consapevole del suo passato sa esattamente dove vuole andare. Lavorerà in un laboratorio di pasticceria forse anche per provare di metter un po’ di dolcezza in un mondo che con lui ha sovradosato l’amaro. “Ho imparato che con i soldi puoi sì avere quello che desideri ma se hai un letto dorato e non riesci a sognare, in realtà hai niente”.

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

Dopo 10 anni di carcere, per Giuseppe la seconda possibilità parte da Acerra

di

Da Acerra, un nuovo inizio. Dal Centro per il recupero delle dipendenze, grazie anche al progetto Game Over, la storia di Giuseppe,...

Regina Pacis: nessuno è escluso e alternativa possibile con la formazione

di

La mission della Regina Pacis è favorire il reinserimento sociale e  lavorativo di soggetti a rischio esclusione sociale e con il progetto...

Game Over, contro gioco d’azzardo: risposte adeguate a bisogni complessi

di

Il progetto GAME OVER, finanziato da Fondazione CON IL SUD è stato ideato per arginare la ludopatia. Il partenariato capeggiato dalla cooperativa...