Diario di lavorazione. “Ricette e domande”

di

Il progetto “Fortunato” (sostenuto dalla Fondazione CON IL SUD nell’ambito del bando “E vado a lavorare”) all’interno del carcere di Poggioreale prosegue: in questi giorni abbiamo incontrato il gruppo composto da persone lgbt.

Nel padiglione Salerno – da cui provengono questi corsisti – si è creato un forte senso di comunità, si sono stabilite alcune relazioni stabili, regole, gerarchie e ognuno entra prepotentemente nell’intimità dell’altro.

Quasi una famiglia: un gruppo molto coeso, difficile da permeare soprattutto per i nuovi arrivati. E chiaramente, come in una famiglia, si creano dissapori e conflitti. Quale impatto ha avuto questo ambiente sul progetto Fortunato e sulla produzione del tarallo?

Abituati a cucinare insieme nelle celle ci siamo trovati un gruppo veloce ed efficiente a fare il tarallo, una vera e propria brigata: c’è già chi lava e disinfetta, chi impasta, chi cuoce… ma anche chi viene messo un po’ ai margini.

La cucina e le ricette diventano collante e argomento di discussione anche con noi operatori. Nell’ultima lezione mi hanno raccontato che i taralli che sono riusciti a portare giù nei reparti sono stati sbriciolati e usati come condimento per la pasta.

Uscendo dalle celle la voglia di cucinare è tanta e insieme alle ricette i corsisti portano nuove domande: quanta responsabilità ha la società occidentale contemporanea che per motivi fondamentalmente economici ha fatto evaporare questo senso di comunità?

L’individualismo così fortemente promosso sta creando nuove solitudini e marginalità che a volte, in contesti difficili, spingono alla devianza e quindi ad esperienze di detenzione in un circolo vizioso?

Carlo Oneto (tutor d’aula)

Regioni

Ti potrebbe interessare

Il progetto “Fortunato” nel racconto di Raffaella

di

Raffaella Spinelli, avvocata di Pride Vesuvio Rainbow, referente del progetto "Fortunato" racconta la sua esperienza con gli allievi in carcere

Diario di lavorazione. “Costruendo un Noi”

di

Lavoro di cooperazione, spirito di iniziativa, profumi di focolare domestico, questi gli ingredienti che introducono e accompagnano l’inizio di una mattinata di lavori che portano a nuove sperimentazioni di ricette per la produzione del tarallo salato e del tarallo dolce.

Diario di lavorazione. “Le mani in pasta”

di

Tutte le lezioni sono occasioni di crescita e confronto ma il giorno dedicato alla lavorazione è sempre il più atteso: mettere le mani in pasta, confrontarsi sulla ricetta, accendere la creatività proponendo dei piccoli aggiusti nel dosaggio.