L’UICI resta a casa… e non chiude!

di

L’Emergenza COVID 19, che dal 9 marzo obbliga a casa tutti gli italiani, ha cambiato le abitudini di tutti costringendoci ad affrontare nuove sfide e riscontrare diversi problemi, soprattutto per i diversamente abili di tutte le età.

Gli studenti, alle prese con le piattaforme online per la didattica a distanza. Pochi gesti per entrare in un mondo virtuale ed assicurare il prosieguo delle lezioni per tutti… o quasi!

Perché?

I ragazzi con disabilità visiva possono utilizzare tablet, smartphone e pc mediante l’ausilio di Screen Reader.  Hanno dovuto però scontrarsi con la consapevolezza che alcune delle piattaforme didattiche esistenti, non sono accessibili, quindi non totalmente gestibili dall’alunno non vedente.

Il decreto “Io Resto a Casa” ha giustamente sospeso ogni tipologia di attività, compresi i servizi di accompagnamento ai ciechi, che, da un giorno all’altro, si sono ritrovati senza la possibilità di poter uscire, nemmeno per fare la spesa. Esigenza primaria in questo frangente, che ha ulteriormente isolato chi vive da solo con l’unico supporto del proprio accompagnatore.

Per questo, l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ha deciso di essere vicina ai ciechi ed improntare una serie di servizi per semplificare la quotidianità di queste persone.

Cosa stiamo facendo

Considerato lo stress, l’ansia ed altri fattori negativi che potrebbero essere una spiacevole conseguenza in questo periodo, alcuni Psicologi hanno messo volontariamente e gratuitamente del tempo a disposizione per i disabili visivi e le loro famiglie, mediante consulenze telefoniche.

I volontari del Servizio Civile, pur restando a casa, hanno preso l’impegno di sentirsi con gli studenti in difficoltà ed aiutarli a distanza, dimostrando la loro sensibilità ed affetto.

Cercando di non trascurare le nuove generazioni, è stato creato un gruppo WhatsApp di sostegno ai bambini,  con la collaborazione di Marzia Bertelli, Fotografa ufficiale Uici. I bambini, che durante l’estate avevano seguito un corso di fotografia sfruttando le tecnologie assistite, si sono proposti di fare ed inviare una serie di scatti per catturare la loro nuova quotidianità casalinga.

Istantanee di libri e pc per studiare, giochi con il proprio animale domestico, cartelloni con disegni che incoraggiano tutti a rimanere in casa. Il materiale prodotto, così come richiesto dai piccoli, è stato pubblicato sulla nostra pagina Facebook. Con la speranza, che tutti i visitatori riescano a trarre da quelle immagini la forza, la speranza e la determinazione a rimanere a casa perché se lo faremo tutti. Ogni cosa andrà bene e molto presto, riprenderemo la nostra vecchia vita con la consapevolezza che essa è preziosa e non va sprecata.

Sulla pagina Facebook ci sono i nostri “Bambini fotografi” che da casa hanno accolto subito l’invito di raccontarci attraverso la fotografia, la loro quarantena.

Per approfondire il progetto “Bambini fotografi” guarda il video.

In foto: Collage dei 5 selfie dei “Bambini fotografi” Alessia Iolanda, Alessia, Manuele, Sharon, Anastasia, foto del cagnolino, del pc.

Come contattarci

In questo periodo di emergenza, gli uffici sezionali dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ONLUS APS di via San Giuseppe dei Nudi n. 80, Napoli, sono aperti al pubblico nei giorni di martedì e giovedì dalle ore 09:00 alle ore 13:00 e dalle ore 15:00 alle ore 17:00;

  • per accedere agli uffici sezionali è necessario richiedere un apposito appuntamento a mezzo telefono 081/5498834 o a mezzo e-mail uicna@uiciechi.it;
  • al fine di garantire quanto più possibile i servizi ai soci, i dipendenti sezionali saranno raggiungibili telefonicamente (081/5498834 – 3756109836). A mezzo e-mail uicna@uiciechi.itil lunedì e il venerdì dalle ore 09:00 alle ore 13:00; il martedì, mercoledì e giovedì dalle ore 09:00 alle ore 13:00 e dalle ore 15:00 alle ore 17:00;
  • in caso di necessità, i recapiti telefonici del Presidente Sezionale, dei dirigenti e dei responsabili dei presidi sono reperibili sul sito internet www.uicinapoli.it;
  • i presidi territoriali resteranno chiusi fino al 3 aprile p.v., mentre i responsabili potranno essere rintracciati telefonicamente.

Di seguito i contatti della referente dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti per i comuni di Portici e San Giorgio a Cremano: Antonella Improta cell. 3384893030; antonella.improta@alice.it

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

Crescere lib(e)ri a Villa Fernandes

di

“Crescere lib(e)ri”: un laboratorio di lettura per educare alla pluriculturalità Ha preso il via il 25 settembre il progetto “Crescere lib(e)ri”, nell’ambito...

Per fare un fiore…ci vuole l’acqua!

di

Maria, socia del GAS nonché insegnante di Scienze alla Scuola Secondaria, ci invita a coltivare in vaso piante di vario genere. E’...

Villa Fernandes al Festival dello Sviluppo sostenibile 2020

di

La sostenibilità economica, sociale e ambientale al centro degli eventi promossi dal bene confiscato porticese nell’ambito del fitto calendario del Festival nazionale...