I volontari del comitato della Croce Rossa di Corigliano-Rossano: «Sviluppiamo la salute e le relazioni di comunità»

di

«Negli anni di attività dei volontari del comitato si è sempre distinta sul territorio cosentino per attività legate al benessere sociale e alla salute dell’intera comunità, con la costante attenzione dedicata al supporto delle persone vulnerabili, alla distribuzione viveri e generi di conforto, fino all’assistenza e al supporto delle persone migranti. E senza diventare le attività ludiche e di doposcuola per ragazzi del zona di Corigliano-Rossano». Parole del presidente del comitato locale della Corte Rossa italiana Marino Mariaimmacolata. In ambito sanitario l’associazione calabrese svolge le sue tradizionali e caratteristiche mansioni di assistenza a pubblici eventi, trasporti sanitari e trasporti socio assistenziali ad utenti fragili come gli anziani.

«I nostri volontari però sono anche formati nel settore di protezione civile, infatti la “Cri” di Corigliano-Rossano si è distinta in ogni emergenza che il nostro territorio ha dovuto affrontare, supportando l’intero organo ufficiale di intervento della Protezione Civile, ad esempio – chiosa il presidente del comitato della Croce rossa – durante l’alluvione che ha colpito il nostro territorio nel 2015».

Per quanto riguarda le fasce d’età più giovani, «è a loro che l’associazione rivolge le attività  formative volte alla diffusione dei corretti stili di vita come la donazione sangue, la corretta alimentazione, le malattie sessualmente trasmissibili e la sensibilizzazione per una cittadinanza attiva. Negli anni sono stati stipulati accordi con scuole ed enti per la diffusione delle manovre salvavita, di disostruzione pediatrica e di corretti stili di vita con dimostrazioni e laboratori negli istituti!, aggiunge Mariaimmacolata.

Tutte le iniziative e i corsi svolti dal comitato della Croce Rossa di Corigliano-Rossano sono stati finalizzate al supporto sociale e psicologico di tutte le problematiche delle fasce vulnerabili del territorio: «Ma non ci fermiamo qui. Periodicamente, soprattutto sotto Natale, abbiamo effettuato la consegna viveri ai bisognosi che, nel tempo, hanno riconosciuto l’associazione un fermo punto di riferimento anche per le istanze socio-sanitarie. Tra queste persone ci sono anche i migranti sbarcat i sulle nostre coste. Infatti abbiamo fornito loro con i nostri volontari un supporto umanitario, provvedendo a sensibilizzare la popolazione sull’importanza dell’accoglienza tramite la diffusione nelle scuole e nelle piazze del Diritto Internazionale Umanitario», conclude il presidente del comitato locale della Corte Rossa italiana Marino Mariaimmacolata. 

Regioni

Ti potrebbe interessare

Banco di solidarietà Santa Croce, quando l’accoglienza non è solo casa

di

Partire dai bisogni primari, quelli che vanno dagli alimenti al vestiario per arrivare alla casa, facendo anche da interfaccia sul fronte occupazionale....

Dal dramma della malattia, a “Viva la Vida”

di

L’associazione Viva la Vida è nata dieci anni fa a Sibari, frazione di Cassano Ionio nel cosentino, dopo la scomparsa di Giuseppe...

Banco Alimentare in Calabria, la solidarietà dal cibo alla comunità

di

Nato nel 1996 in Calabria, il Banco Alimentare, poco dopo la creazione del Banco nazionale, «La pandemia ha acuito le forme di...