Auser di Paola, promotrice della rete di solidarietà e cultura

di

Il Circolo Auser di Paola, cittadina affacciata sul Tirreno nel cosentino, è attiva sul territorio dal 1994 ed è un punto di riferimento per gli anziani e i loro famigliari, nonché un luogo dove avviene attivamente il dialogo intergenerazionale «viste le tante attività che promuoviamo anche insieme ai giovani», spiega il referente, Franco Melchioda. Che aggiunge: «Per noi è particolarmente importante il rapporto tra i nostri anziani e i nostri ragazzi perché riesce a trasferire ai giovani la ricchezza di esperienze e valori propri di una diversa età della quale è indispensabile conservarne la memoria». 

Nei suoi ormai 30 anni di lavoro, il circolo Auser ha sviluppato e consolidato uno stretto rapporto con il territorio, stipulando accordi di collaborazione con gli Enti Locali, con le scuole, con l’Università della Calabria, con il Conservatorio di Cosenza e con molte le Istituzioni che operano non soltanto nel territorio di Paola, ma in tutta la Regione Calabria.

Molte sono le attività realizzate, con l’obiettivo di soddisfare i bisogni del territorio «che spesso vengono disattesi dagli organi competenti e concorrere al benessere collettivo. In particolare, il nostro circolo Auser ha focalizzato il proprio operato nelle aree dell’assistenza alla persona, con l’intento di dare sostegno e aiuto agli anziani, dal punto di vista fisico, psicologico, relazionale e culturale, nonché alle fasce più deboli: anziani, donne, immigrati, disabili, indigenti». Rientra quindi in questo ambito il progetto “SanitÀmica”, frutto di un Protocollo  d’intesa siglato tra Auser di Paola, Auser di Amantea, e Asmev (associazione medici volontari) di Belmonte Calabro, che è finalizzato al rendere operativo di un ambulatorio medico specializzato in diversi ambiti che fornisce assistenza in particolare ai migranti e alle persone in difficoltà economica del territorio. 

Tra i molti progetti c’è anche «la Banca del Tempo- spiega il referente dell’User di Paola -, che è una banca a tutti gli effetti, con la differenza che in essa non si deposita denaro bensì tempo e disponibilità. Agisce come centro di scambio di attività, di servizi, di saperi, di competenze tra associazioni, enti, cittadini i quali offrono ciò che sono in grado di fare e ricevono ciò di cui hanno bisogno creando così delle relazioni basate sulla solidarietà e sulla socialità. Con la stessa impronta, un’altra nostra iniziativa è l’Auser Caffè Alzheimer, che propone ai nostri anziani una cultura dell’invecchiamento attivo, in grado di migliorare i livelli di energia psico-fisica della persona, prevenire malattie e riduzione dell’autosufficienza, favorire le relazioni e l’inclusione sociale, motivare alla solidarietà, al dialogo tra le generazioni, alla partecipazione alla vita democratica. I principali destinatari del progetto “Auser Caffè” sono i pazienti con demenza, ma anche  i loro caregiver, la cui funzione di aiuto comporta un carico assistenziale che destruttura gli equilibri familiari preesistenti».

Tra le iniziative proposte ci sono anche quelle culturali, come il Festival Radici e Ali, che ogni anno per sette giorni in estate da 2004 viene realizzato a Paola e con il tempo è diventato uno dei principali appuntamenti musicali e culturali della Calabria con la sua musica tradizionale ed etnica e l’esibizione di artisti provenienti da Argentina, Iraq, Grecia, Tunisia, Senegal, Palestina e Malta: «Attraverso gli eventi musicali ci si propone di diffondere un linguaggio comune tra i popoli di diversa cultura del Mediterraneo coinvolgendo il maggior numero possibile di cittadini italiani e di altri Paesi», conclude Melchioda.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Associazione Circolo culturale Popilia, la solidarietà amicale al servizio del prossimo

di

L’Associazione Circolo culturale Popilia è nata nel 1990 per supportre  la popolazione Rom, sedentarizzata da oltre 80 anni nella città di Cosenza...

Calabria Soccorso Odv, sempre vicini nel momento del bisogno

di

«Quando ci possiamo ritenere veramente soddisfatti di questo lavoro? Senza ombra di dubbio nel momento in cui siamo nelle condizioni di dare...

I volontari del comitato della Croce Rossa di Corigliano-Rossano: «Sviluppiamo la salute e le relazioni di comunità»

di

«Negli anni di attività dei volontari del comitato si è sempre distinta sul territorio cosentino per attività legate al benessere sociale e...