La Misericordia, a Mazara da sempre vicina alla comunità

di

Misericordia al lavoro

Hanno appena concluso il Triathlon Olimpico che ha visto la partecipazione a competizioni sportive di 300 atleti provenienti da tutta Italia, dando modo ai suoi operatori e volontari di dimostrare tutta la loro forza, ma soprattutto la competenza nel campo della sicurezza sanitaria.

Nasce nel 2014 come piccola realtà di frontiera, la Confraternita della Misericordia di Mazara “San Vito” Odv, la cui voglia di affermare la carità e la fraternità cristiana é stata sempre pienamente espressa dalle opere realizzate in soccorso dei singoli e della collettività.

Fautori della civiltà dell’Amore e testimoni infaticabili della cultura della Carità“, la frase che Giovanni Paolo II volle dedicare proprio a tutte le Misericordie d’Italia e che ispira da sempre il percorso del  direttivo e dei soci.

Gli operatori della Misericordia

«La nostra attività principale è l’assistenza sanitaria h24 ad ammalati che hanno difficoltà motorie  e sono  bisognosi di aiuto per raggiungere strutture ospedaliere o private – spiega Carmen Anselmo, governatrice della Misericordia di Mazara del Vallo  -.  Circa 800 i trasporti sanitari che ogni anno almeno 30 volontari, adeguatamente formati e istruiti professionalmente, svolgono  grazie alle due ambulanze di soccorso in nostro possesso dotate di strumentazioni avanzate in grado di aiutare al meglio il paziente offrendogli tutti i comfort. Importante sapere che tutte le ambulanze sono dotate di defibrillatori di ultima generazione. Uno degli ultimi acquisti è stata una sedia portantina completamente elettrica, acquistata grazie al contributo di Fondazione CON IL SUD, che ci permette di aiutare a salire e scendere dagli appartamenti senza che venga fatta alcuna fatica. Oggi, in provincia di Trapani, siamo l’unica associazione a possederne una».

L’emergenza fa parte del cuore dell’attività delle Misericordie e si pratica concretamente sia attraverso l’intervento sanitario sia con l’aiuto ai più bisognosi di carità. La Misericordia di Mazara ha, infatti, aderito al programma del Banco Alimentare nazionale e ogni mese distribuisce tonnellate di cibo alle circa 450 persone assistite.

«Facciamo anche un lavoro importante con i giovani all’interno delle scuole – prosegue la Governatrice – . proprio per insegnare a tutti le manovre fondamentali che si dovrebbero conoscere per salvare la vita a molte persone. Secondo il Ministero della Salute, nel 2021 sono morte per arresto cardiaco ben 50mila persone,  il 60/65 per cento delle quali per non essere stato soccorso in tempo con un massaggio cardiaco e il defibrillazione. Attraverso manichini di ultima generazione pqcr, acquistati recentemente sempre grazie a Fondazione CON IL SUD, la nostra associazione  promuove quotidianamente la formazione sanitaria in tutta la popolazione».

Pronti a portare la spesa a domicilio

Un ‘attività veramente intensa, quella della Misericordia di Mazara “San Vito” Odv , la cui importanza per il territorio la si capisce anche dalla collaborazione che ha in atto con diverse realtà del territorio. Come con la locale Capitaneria di Porto, offrendo assistenza per le esercitazioni delle forze dell’ordine in mare. Con  il gruppo giovani, invece, attraverso biciclette attrezzate di borsone primo soccorso e defibrillatore, durante il periodo estivo si pattuglia a scopo di prevenzione il litorale balneare della città, garantendo sicurezza a tutti i balneanti.

Un’altra bella sinergia si è instaurata durante la pandemia con la Polizia Municipale di Mazara del Vallo, portando avanti attività di Protezione Civile che sono andate in aiuto con l’ assistenza domiciliare a tutti gli anziani impossibilitati ad uscire di casa.

«Abbiamo dato vita al  servizio  della “spesa a domicilio” – conclude Carmen Anselmo – coadiuvando il Comune nella distribuzione di più di mille buoni spesa alle famiglie più bisognose colpite dalla crisi da Covid 19. Un servizio quotidiano che diventa eccezionale quando abbiamo a che fare con le persone dalle quali riceviamo sempre più di quello che diamo loro. Un’ esperienza unica, speciale che ci arricchisce ogni volta».

Regioni

Argomenti

Ti potrebbe interessare

La sclerosi multipla? Questione di “Sacro Cuore”

di

«Se non c’è chi prende a cuore la tua situazione, ma soprattutto se non c’è la competenza giusta, prima di scoprire di...

Con Trinart l’arte narra la voglia di contaminarsi

di

Era il 2011 e durante un tragitto in macchina per accompagnarli  in uno dei centri di accoglienza per  migranti del territorio di...

La donazione di sangue. Per l’Avis un gesto di solidarietà per chi ha bisogno

di

In tutto 442 i  soci  dell’Avis di Santa Ninfa che, al 31 dicembre del 2021, hanno anche donato il proprio sangue, consentendo...