Da piazza Magione a Palermo parte la diciassettesima edizione di Mediterraneo Antirazzista

di

mediterraneo antirazzista 2024

Tanto sport, attività ludico-motorie, spettacoli di giocoleria e tanti e coloratissimi laboratori, piazza Magione per due giorni si è trasformata in un’officina in cui si sono costruite relazioni e alimentati sogni. Venerdì 10 e sabato 11 maggio, all’interno del progetto Sport Popolare in Spazio Pubblico sostenuto da Fondazione con il Sud, si è aperta la stagione del Mediterraneo Antirazzista che quest’anno giunge alla diciassettesima edizione, la manifestazione sportiva e culturale che attraverso lo sport punta a rinvigorire la comunità educante. Tanta la partecipazione dai genitori ai bambini più piccoli, tutti coinvolti a vario titolo dall’organizzazione alla fruizione.

Tanti sport per tutti

Tanti sono stati gli sport gratuiti per tutti e tutte, praticati in forma di tornei non competitivi. Nei prossimi giorni, Mediterraneo Antirazzista arriverà in altri quartieri popolari di Palermo per promuovere i valori dell’inclusione sociale e del diritto allo sport e al gioco. Questa manifestazione è organizzata da oltre 20 realtà cittadine tra associazioni, scuole, parrocchie e collettivi, la prima edizione si è svolta a Palermo nel giugno del 2008 per poi allargarsi a macchia d’olio nel resto d’Italia in città come Milano, Roma e Napoli, Genova, Catania e Lampedusa. L’obiettivo della manifestazione è, da sempre, la promozione delle relazioni interculturali tra le diverse componenti che abitano nella città metropolitana, provando a mettere in discussione le dicotomie centro/periferia ed inclusione/esclusione.

Le prossime tappe

Il 19 maggio ci sarà la tappa di Mediterraneo Antirazzista a Catania. Il 24 maggio da booq si presenta “Balkan football club”; la mattina del 28 maggio al Foro Italico si terranno le “Speroniadi”, le olimpiadi dell’ICS Sperone-Pertini; il 31 maggio allo Sperone; l’1 giugno ci sarà una grande festa di apertura con avvio iscrizioni delle squadre, presentazione e festa in piazza Mediterraneo con “Anima Ballarò special edition”. Si continua il 2 giugno con “Mammaliturchi”, la tappa al Foro Italico; dal 13 al 16 giugno al Velodromo Paolo Borsellino la tappa cittadina; dal 27 al 29 giugno Mediterraneo Antirazzista Napoli-Scampia: il 5 e il 6 Settembre al Cep “Un campo per il Cep”. Tutte le altre tappe in giro per i quartieri di Palermo saranno organizzate da settembre a novembre.

Dichiarazione degli organizzatori

“Da Palermo il nostro sguardo è costantemente rivolto al mondo, – dicono gli organizzatori e le organizzatrici- alle aggressioni razziste e sessiste che si consumano quotidianamente, ai femminicidi che aumentano di giorno in giorno, alle disparità economiche e le discriminazioni religiose ed etniche che diventano sempre più marcate, alle misure repressive che colpiscono chi combatte per contestare guerre, crisi climatica e ingiustizie sociali. Siamo arrivati alla diciassettesima edizione del Mediterraneo Antirazzista e vogliamo prepararci discutendo di possibili e impossibili connessioni tra il diritto a salvarsi e il diritto ad avere una “via di fuga”, un modo per sfuggire ad una condizione in cui ci sentiamo oppressi o in pericolo. In questi anni abbiamo battuto campi di periferie e luoghi estranei alle istituzioni per ribadire il bisogno di un’azione diversa sullo spazio pubblico che faccia i conti con l’educazione, la crescita e un reale diritto all’abitare”.

Regioni

Argomenti

Ti potrebbe interessare

Sport per tutti: a Palermo una grande festa per dare avvio ai corsi gratuiti

di

Attività sportive gratuite e aperte a bambini, giovani e adulti. Sono in programma per il prossimo sabato 19 febbraio, dalle ore 10...

A Palermo parte il progetto “Sport Popolare in Spazio Pubblico”

di

Un progetto dove protagonista indiscussa sarà la comunità. L’ambizione del progetto “Sport Popolare in Spazio Pubblico“, è quella di costruire comunità e...

Sul processo di pedonalizzazione di via Ingrassia collaborano anche gli studenti di Portsmouth

di

Da diversi mesi è in atto un processo di trasformazione urbana, nato dal confronto tra residenti, bambini e bambine del plesso Amari...