Pif a Spazio Acrobazie

di

“Non ho niente da insegnare, esordisce così Pierfrancesco Diliberto durante l’incontro del 9 aprile al carcere l’Ucciardone di Palermo, in occasione del progetto Spazio Acrobazie. Laboratorio produttivo e di riqualificazione attraverso la mediazione artistica, a cura di Elisa Fulco e Antonio Leone.

Una mattinata in cui ha raccontato come ha iniziato, gli anni della gavetta e come si possa apprendere guardando chi non si vuole diventare. Un viaggio partito dal racconto di momenti di trascurabile felicità e infelicità (per Pif quando qualcuno sceglie un piatto migliore del suo e viceversa quando il suo è il migliore), all’impegno e al caso che spesso lavorano insieme.

Tante le domande, le curiosità e soprattutto la competenza con cui le stesse persone detenute hanno ripercorso e commentato le varie tappe: dalle Iene al testimone alla Mafia Uccide solo d’estate, chiedendo anticipazioni sulla prossima stagione di “Caro Marziano”.

Per infine improvvisare una canzone rap dedicata a Mattarella , rigorosamente in rima, tra gli applausi di tutti i presenti e l’invito a tornare per realizzare un workshop di video. Intanto, la promessa di una dedica, a Michele, sabato 13 Aprile alle ore 10.19 su Radio Capital. grazie al direttore Fabio Prestopino, a tutto il personale penitenziario, e al gruppo straordinario che frequenta abitualmente i laboratori e il workshop.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Spazio Acrobazie al carcere minorile di Palermo

di

Riqualificare spazi e relazioni partendo dal progettare insieme un pallone, scegliendo forme e colori con cui rivestirlo. Un lavoro di squadra suggerito...

Spazio Acrobazie su Economia della Cultura

di

Co- progettazione e multi-agency: un art care model per il benessere delle diverse culture organizzative, si intitola così il contributo di Elisa...

Gran finale per la rassegna “Esco all’aperto” al Malaspina

di

Si chiude con un grande applauso la proiezione del film The Truman show, con la presenza in sala di Christian Picciotto, la...