Giovani neet, 1 su 5 non studia e non lavora

di

Non è affatto rosea la situazione che emerge dall’analisi dei dati relativi ai giovani neet, quei giovani tra i 15 e i 34 anni che non studiano, non lavorano e non si formano. In Italia si tratta di 1 su 5, corrispondenti a circa 3 milioni di persone, con una prevalenza femminile: le donne sono infatti 1,7 milioni. L’Italia è tra i paesi europei con maggiore presenza di neet, anche se emerge una netta differenza tra l’area centro-settentrionale del paese e quella meridionale.

La maglia nera nella penisola va alla provincia di Caltanissetta, che vede il 46,3% di giovani neet tra i 15 e i 29 anni. A seguire, Taranto, Catania, Napoli, Messina, Palermo, Siracusa, Foggia e Catanzaro, tutte sopra il 35%.

Di fronte a questi dati, il contrasto al fenomeno dei neet diventa fondamentale per ridurre marginalità ed esclusione sociale e, di conseguenza, aumentare le competenze delle nuove generazioni e il loro contributo allo sviluppo del paese. La sfida del “Piano nazionale neet 2022” è proprio quella di puntare su un coordinamento dell’insieme di soggetti e servizi che si occupano a vario titolo della questione.

In questo contesto, quale può essere la strategia migliore? Investire sulla qualità degli apprendimenti e sulle competenze per ridurre l’incidenza dei neet a medio e lungo termine, mentre nel breve diventa fondamentale intervenire a supporto di chi si trova in questa condizione.

Tutte e tre le fasi sono alla base del progetto Re-Generation Neet, che fornisce opportunità di inclusione socioeconomica e di fuoriuscita dalle condizioni di povertà materiale e immateriale ai giovani neet della IX municipalità di Napoli (Soccavo, Pianura). Gli interventi stanno fornendo ai giovani neet competenze, conoscenze e abilità per facilitare la fuoriuscita da condizioni di disagio mettendo al tempo stesso queste competenze a disposizione della popolazione della municipalità nel suo complesso.

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

Social Hub, lo sportello per i giovani di Pianura e Soccavo

di

Proseguono le attività del Social Hub, lo sportello dedicato alla popolazione giovanile della nona municipalità di Napoli (Soccavo-Pianura), che come punto informativo...

A Pianura con il progetto FRIC per la valorizzazione del territorio

di

Continuano le passeggiate territoriali del progetto FRIC “Re-Generation NEET: processi generativi per l’inclusione sociale”. Grande partecipazione e tanto entusiasmo per la seconda...

La selva di Pianura, uno spazio verde da salvare

di

Dopo la pausa estiva, sono ripartite le passeggiate territoriali alla scoperta degli angoli meno conosciuti di Pianura. Per l’occasione, Re-Generation Neet ha...