“Terra Aut”, procedono i lavori di ristrutturazione sul bene confiscato

di

E’ passato un mese dall’avvio dei lavori di ristrutturazione che interessano i due immobili esistenti all’interno degli 8 ettari di terreno di “Terra Aut”, in contrada Scarafone, sui beni confiscati a Giuseppe Mastrangelo, uno dei boss più influenti della criminalità organizzata cerignolana. Tutto sta procedendo secondo la tabella programmata ed ogni giorno gli operai sono impegnati sul cantiere per aggiungere un’ulteriore tassello nei progetti di agricoltura sociale che la cooperativa sociale Altereco porta avanti per favorire l’inserimento lavorativo di persone in condizione di svantaggio. I lavori di ristrutturazione, dunque, rientrano tra le azioni previste dal progetto “Il fresco profumo della libertà”, tra gli interventi selezionati nell’ambito della quarta edizione del Bando Beni Confiscati alle mafie 2019, promosso dalla Fondazione CON IL SUD insieme alla Fondazione Peppino Vismara. Una sfida ambiziosa, importante per un territorio come quello di Cerignola, segnato in quegli anni da una forte presenza della criminalità organizzata. Perché non c’è azione più potente e concreta che trasformare un luogo simbolo del potere mafioso in avamposto di legalità, di economica sostenibile, di lavoro regolare, di sviluppo, di antimafia sociale.

I lavori di ristrutturazione procedono, quindi, di pari passo alle attività di agricoltura sociale che coinvolgono un percorsi di inserimento lavorativo persone che vengono ammesse alle misure alternative al carcere, migranti sottratti al caporalato e allo sfruttamento, o chi vive in condizioni di disagio. Confettura di uva, succo di melagrana, confettura di ciliegie, passata di pomodoro biologico, melanzana grigliata sott’olio, zucchine grigliate sott’olio d’oliva, paté  di cime di rapa, olio Aut. Sono veramente tanti i prodotti realizzati a Terra Aut e sono tutti liberi, buoni ed etici perché rispettano tutta la filiera agroalimentare dalla lavorazione alla trasformazione.

Per quanto riguarda gli interventi di ristrutturazione resi possibili attraverso il sostegno di Fondazione CON IL SUD e Fondazione Peppino Vismara, nel primo immobile sarà realizzato l’Orto Sociale, la cui finalità sarà quella di affiancare alle normali prestazioni per la conduzione di un orto (cura delle piante, degli alberi, pratiche quotidiane per la coltivazione delle orticole stagionali) l’apertura dello stesso alla collettività per favorire l’inserimento e/o il reinserimento sociale e lavorativo di particolari categorie svantaggiate, mediante la realizzazione delle seguenti attività: percorsi di ortoterapia con persone disabilità, minori stranieri non accompagnati, minori provenienti dall’area penale; giardino delle piante aromatiche e percorso di barefooting (percorso sensoriale a contatto con la natura da realizzare a piedi nudi); formazione/accompagnamento ed inserimento lavorativo di immigrati; Bottega solidale per la produzione e la vendita di prodotti a km0; progettazione di una etichetta partecipata per favorire vendita e commercializzazione dei prodotti.

Il secondo immobile, invece, è destinato a diventare un B&B. Saranno allestite 2 camere dotate di comfort per il riposo ed di servizi igienici per favorire in primis l’accoglienza di visitatori in genere e dei pellegrini in particolare vista anche la posizione del bene collocato sulla Via Francigena, garantendo inoltre, una serie di servizi quali: servizio di bike sharing, con la possibilità di noleggiare una mountain bike; mezzi di conforto (degustazione prodotti, acqua).

Il progetto “Il fresco profumo della libertà” promosso dalla cooperativa sociale Altereco coinvolge diversi partner pubblici e privati: Fondazione dei Monti Uniti di Foggia, Associazione Volontari Emmanuel, Comune di Cerignola, Al di là dei sogni Cooperativa sociale onlus, UN SORRISO PER TUTTI Società Cooperativa Sociale ONLUS, Associazione Terra!Onlus, Cooperativa sociale L’Abbraccio, Oltre Rete di imprese, Sindacato pensionati italiani CGIL, Ufficio Locale di Esecuzione Penale Esterna di Foggia.

 

Regioni

Argomenti

Ti potrebbe interessare

“In campo! Senza caporale”, su Terra Aut un’esperienza formativa e di riscatto

di

  Si chiamano Mamadou, Ibrahim, Abdoulaye, Paap, Hussein e tanti altri. Dodici in tutto. E arrivano da Senegal, Togo, Burkina Faso, Nigeria....

Il sogno di antimafia sociale di “Terra Aut” sbarca su Tele Radio Padre Pio

di

Ha raccontato la storia ed il percorso di agricoltura sociale e biologica portato avanti sul terreno confiscato alla criminalità di “Terra Aut”,...

Le confetture d’uva di Terra Aut per le famiglie indigenti della Caritas di Bari-Japigia

di

Le confetture di uva realizzate a Terra Aut diventano il companatico per riempire i cornetti vuoti che i volontari della parrocchia San...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK