La sfida di “Terra Aut” nata sui terreni confiscati al boss Mastrangelo

di

La sfida è iniziata ufficialmente nel marzo del 2012 quando Giovanni, fratello di Peppino Impastato, inaugurò il percorso di riuso sociale di “Terra Aut”. Una sfida ambiziosa, importante per un territorio come quello di Cerignola, segnato in quegli anni da una forte presenza della criminalità organizzata. Perché non c’è azione più potente e concreta che trasformare un luogo simbolo del potere mafioso in avamposto di legalità, di economica sostenibile, di lavoro regolare, di sviluppo, di antimafia sociale. Come ha fatto la cooperativa sociale Altereco in contrada Scarafone, sui beni sottratti a Giuseppe Mastrangelo, uno dei boss più influenti della criminalità organizzata cerignolana. Arrestato nel 1994 nel corso dell’Operazione Cartagine condotta dalla Direzione Investigativa Antimafia di Bari, Mastrangelo, detto “u cecato”, è stato condannato a tre ergastoli per quatto omicidi e per associazione mafiosa, droga ed estorsione.

Nel 2008 il Comune di Cerignola, su sollecitazione delle cooperativa sociali, indice il bando per l’assegnazione del bene confiscato a Mastrangelo. Si tratta di un terreno agricolo di 8 ettari con annesso fabbricato. E’ a quel punto che è iniziativa la sfida della cooperativa sociale Altereco, i cui soci sono tra i promotori del presidio di Libera a Cerignola. L’obiettivo della cooperativa è quella di favorire attraverso progetti di  agricoltura sociale , l’inserimento  lavorativo di persone in situazioni svantaggiate. Ed in questi anni, sui terreni di “Terra Aut” sono stati coinvolti nelle attività agricole ragazzi ex tossicodipendenti o provenienti da percorsi di giustizia penale, migranti, persone con disagio.

Le produzioni di “Terra Aut” spaziano dall’uva da tavola alle olive coratine dalle quali viene prodotto l’OlioAut, per poi passare alle ciliegie e agli ortaggi da cui nascono patè di cime di rapa, zucchine grigliate sott’olio d’oliva , melanzane grigliate sott’olio d’oliva, fino all’ultima scommessa: la produzione di 25mila bottiglie di passata di pomodoro biologico. Non solo. Perché dal 2011 “Terra Aut” ospita anche i Campi di formazione lavoro promossi da Libera e SPI CGIL, in cui tanti ragazzi e ragazze provenienti da tutta Italia decidono di trascorrere le loro vacanze lavorando sui terreni per avvicinarsi ai temi della legalità, della giustizia, dell’antimafia sociale. “Terra Aut” vede anche tante scolaresche, di ogni ordine e grado, visitare i terreni per vivere esperienze di laboratori sul campo, osservare da vicino cos’è un bene confiscato, cosa diventa quello che una volta era il simbolo dell’illegalità e malaffare.

Per questo, in questo lungo percorso di legalità e di economia alternativa si inserisce perfettamente il progetto “Il fresco profumo della libertà”, tra gli interventi selezionati nell’ambito della quarta edizione del Bando Beni Confiscati alle mafie 2019, promosso dalla Fondazione CON IL SUD insieme alla Fondazione Peppino Vismara. ll progetto promosso dalla Cooperativa Sociale Altereco – con un nutrito partenariato di enti pubblici e privati – prevede anche la realizzazione di un orto sociale, l’allestimento di una bottega solidale e l’implementazione di una serie di attività di promozione del territorio, tra cui l’allestimento di un B&B, favorendo l’inclusione socio-lavorativa di sei persone in condizione di svantaggio. In attesa della partenza formale dell’iniziativa sostenuta da Fondazione CON IL SUD, le attività a Terra Aut vanno avanti.

 

Se vuoi sostenere le nostre attività è molto semplice: devolvi il 5×1000 dalla tua dichiarazione dei redditi firmando il modulo nella sezione “a sostegno del volontariato” inserendo il nostro codice fiscale 03614010712.

Regioni

Argomenti

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK