La Salute Mentale ai tempi del Covid19

di

L’impatto dell’emergenza COVID-19 sulle persone in carico presso i servizi per la salute mentale e sulle loro famiglie,

rappresenta per la nostra Cooperativa e la nostra equipe multidisciplinare, motivo di attenzione, per poter garantire, nella massima sicurezza possibile,

la continuità delle cure e delle attività riabilitative, delineando una serie di misure a tutela della salute degli operatori, delle persone e delle loro famiglie e che,

al contempo, prevengano la diffusione del contagio da COVID19.

Il grado di fragilità delle persone con problemi di salute mentale è piuttosto elevato, sia per problemi di comorbidità,

sia per la maggior esposizione a patologie trasmissibili a causa dei disturbi comportamentali e degli stili di vita condotti.

Pur non avendo dati statistici accertati per stimare il rischio di contrarre l’infezione, è tuttavia oggettivo presumere che esso sia elevato.

Come è ampiamente documentato, tra le stesse persone con disagi psichici, sono molto frequenti le malattie respiratorie,

la cui causa principale va ai tassi di tabagismo piuttosto alti.

A tali elementi vanno sommati gli elevati livelli di vulnerabilità psicosociale e l’impatto delle variabili socioeconomice e ambientali che,

nell’attuale situazione, concorrono fortemente a determinare quadri, anche gravi,

di disturbo e sofferenza mentale con conseguente compromissione delle capacità relazionali e produttive.

Il modello terapeutico riabilitativo seguito dalla Cooperativa Litografi Vesuviani è quello della “Recovery”,

in quanto è ritenuto di fondamentale importanza mettere il paziente “al centro della propria vita”, basato inoltre sul sostegno attraverso attività di inclusione sociale e formativa al lavoro,

che in questo momento storico, rischia di essere fortemente depotenziato in rapporto alle limitazioni di sicurezza che sono state adottate per contenere la diffusione epidemica.

Per evitare il prolungarsi di tale situazione, che concorre a far emergere nella popolazione generale un grado diffuso di malessere riconducibile alla perdita di riferimenti, di prospettive, ma anche delle condizioni socioeconomiche di base, la nostra cooperativa non si è mai fermata,

adottando metodologie innovative e tecnologiche pur di non abbandonare la propria utenza.

Le attività formative come già detto non si sono mai fermate, in un primo momento sono state gestite su piattaforme da remoto come “Zoom”,

mettendo a disposizione di tutti gli utenti, tutti i mezzi possibili per la realizzazione.

Successivamente con l’adeguamento e la messa in sicurezza delle strutture sono state riprese le attività presso le sedi dei comparti di produzione.

E’ attualmente in essere il progetto “Mai più dentro” Cofinanziato da Fondazione con il Sud per l’iniziativa Carceri 2019,

proposto dalla Cooperativa L.V., destinato a cittadini autori di reato affetti da patologie psichiatriche.

L’obiettivo è offrire lavoro a chi è escluso per stigma della malattia mentale, amplificato per gli  “autori di reato”.

I destinatari sono stati individuati dal DSM dell’ASL Napoli3Sud, dal Carcere di Poggioreale e dal Carcere di Secondigliano,

nonché dal UEPE di Napoli. A causa dell’innalzamento della curva epidemiologica è emersa la problematica più rilavante, cioè l’incompatibilità della Formazione in presenza degli utenti individuati, presso i laboratori messi a disposizione dalle cooperative coinvolte.

Nonostante tutte le misure di sicurezza adottate nelle nostre sedi il rischio di contagio per le strutture carcerarie è troppo elevato.

Intanto in accordo con tutta la partnership continuerà la relazione con gli utenti individuati per non perderne la motivazione, e poi riprendere la vera e propria formazione in presenza, non appena la situazione epidemiologica sarà risolta.

Intanto è bene sottolineare che, la rete territoriale dei servizi di salute mentale conta su un assetto organizzativo ed operativo fortemente comunitario,

improntato sul sostegno dei pazienti afferenti ai DSM territoriali,

con un elevato grado di interconnessioni con gli Enti del Terzo Settore e i diversi soggetti istituzionali.

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

RIUNIONI DI EQUIPE – PROGETTO MAI PIU’ DENTRO

di

La Cooperativa Sociale Litografi Vesuviani, Capofila del progetto “Mai più dentro” ha avviato vari meeting sulla piattaforma Zoom con tutti i partner...

“La Formazione ai tempi del Corona Virus”

di

In un momento storico come questo in cui la Pandemia ha messo a dura prova il terzo settore e non solo, dobbiamo...

“Mai più dentro”: nuove modalità di incontro

di

Ogni volta che ci troviamo difronte ad una difficoltà dobbiamo necessariamente trovare tutte le risorse migliori per superarla, e il mondo della...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK