I benefici di “Hopeificio”, ora si raccolgono le olive anche per conto terzi

di

“Hopeificio” gli ha dato l’opportunità di apprendere tutte le conoscenze e le competenze utili a lavorare la terra, in particolare, a raccogliere le olive ed a seguire l’itero ciclo produttivo dell’olio. Dopo aver raccolto anche quest’anno sui terreni dell’ASP “Castriota e Corroppoli” di Chieuti le olive destinate a trasformarsi in “Volío”, l’olio extravergine d’oliva dal gusto dell’inclusione sociale e lavorativa, il gruppo di lavoro della cooperativa sociale Ortovolante sta portando anche sui altri terreni le professionalità maturate in questi anni di progettazione. E così, in questi giorni Paolo, Luigi, Gaetano, Giuseppe e Nicola, sempre seguiti dall’agronomo Francesco Di Lucia e dall’operatore Francesco De Pasquale, con l’abbacchiatore indirizzato verso l’alto, hanno scosso gli alberi d’ulivo per conto terzi. Per altre persone che si sono rivolte alla loro bravura per la raccolta delle olive. Chi ha poche piante o mezzo ettaro di terreno, infatti, avendo compreso la valenza sociale ed inclusiva del progetto “Hopeificio” si sta rivolgendo a loro. Ed i braccianti di “Ortovolante” si sono subito dati da fare per soddisfare le prime richieste di lavoro conto terzi ed hanno messo a disposizione di altri le competenze fin qui acquisite.

Merito del progetto che ha l’obiettivo di rafforzare l’offerta di servizi rivolti a persone con disabilità psichica e contrastare lo stigma nei confronti di quanti affetti da questa forma di disagio. Perché la raccolta delle olive e la conseguente trasformazione in olio chiudono l’intero ciclo produttivo dell’olio extravergine promosso dalle cooperative sociali Medtraining ed Ortovolante attraverso il progetto “Hopeificio”, sostenuto dalla Fondazione CON IL SUD nell’ambito della terza edizione del “Bando Socio Sanitario”. Un progetto che va oltre la semplice acquisizione di competenze che i ragazzi con disabilità psichica hanno appresso durante il percorso di formazione teorica e pratica di questi anni. Perché in questa attività di inserimento socio-lavorativo i braccianti agricoli – assunti con regolare contratto dalla cooperativa Ortovolante – stanno riscoprendo sé stessi, i loro talenti, delle professionalità che non credevano di avere fino a poco tempo fa.

Agricoltura biologica, innovazione ed inserimento socio-lavorativo sono quindi le parole d’ordine del progetto promosso dalla cooperativa sociale Medtraining e sostenuto dalla Fondazione CON IL SUD, a cui fanno parte diversi partner pubblici e privati: ASP “Castriota e Corroppoli” di Chieuti; Comuni di Chieuti e Serracapriola; Asl Foggia – Dipartimento di Salute Mentale e Servizio per le Dipendenze; cooperativa sociale Ortovolante; A.DA.SA.M – Associazione Dauna per la Salute Mentale; Associazione Tutti in Volo onlus.

Regioni

Ti potrebbe interessare

“Hopeificio”, altri 24 alberelli di ulivo per proseguire la sfida dell’inclusione socio-lavorativa

di

Il progetto “Hopeificio” gli ha dato l’opportunità di apprendere tutte le conoscenze e le competenze utili a lavorare la terra. In particolare,...

“Hopeificio”, quando il lavoro è meglio dei farmaci e fa bene alla salute mentale

di

«Al di là del lavoro, dell’impegno quotidiano, dell’opportunità di poter guadagnare qualcosa, l’aspetto più importante è che attraverso questa attività mi sono...

L’olio “Volìo” in lingua arbëreshë, nasce a Chieuti ”Mall, vaj ulliri ekstra virgjër”

di

L’olio “Volío” per valorizzare e promuovere la cultura delle minoranze linguistiche arbëreshë della provincia di Foggia. La cooperativa sociale Ortovolante ha realizzato una...