Fuori le Mura, partono i tirocini lavorativi e nasce una nuova rete territoriale

di

Stanno per partire a Catania e in tutta la provincia etnea i tirocini lavorativi retribuiti
promossi dal progetto Fuori le Mura all’interno dell’azienda Dusty, leader nel settore
dell’igiene urbana.
Così come prevede il progetto realizzato dalla cooperativa catanese Prospettiva
Futuro, con il sostegno di Fondazione con il Sud, inizia il percorso di reinserimento
socio-lavorativo di quattro donne, e undici uomini, due dei quali segnalati dall’ufficio
di servizio sociale per i minorenni.
L’impegno all’interno di Dusty prevede quattro mesi di lavoro a tempo pieno che sono
stati preceduti da un percorso di formazione mirato alla raccolta, al riuso e al riciclo
dei rifiuti. Il percorso formativo sta per concludersi anche nelle città di Palermo,
Messina e Caltanissetta dove a breve saranno attivati, nelle diverse sedi provinciali
dell’azienda, altri tirocini lavorativi.Con la volontà di costruire una rete territoriale tra impresa, terzo settore e servizio
pubblico il progetto Fuori Le Mura ha siglato la parternish con il Centro per
l’impiego di Catania diretto dalla dottoressa Salvatrice Rizzo che afferma: «La
nostra mission ci avvicina sempre ai soggetti più fragili. Siamo felici quindi di poter
dare il nostro contributo all’interno di un progetto così importante, capace di fornire
un’occupazione stabile, in un momento complesso come questo, a chi merita una
seconda possibilità. Non è facile per chi ha commesso un errore ritrovare posto nella
società e noi come centro per l’impiego faremo di tutto per supportare chi ha bisogno
di sostegno nel ricostruire la propria vita».
«I primi tirocini saranno avviati nei territori comunali della provincia di Catania dove
Dusty effettua il servizio di igiene urbana – afferma l’amministratore Rossella
Pezzino de Geronimo – Nel corso dei tre anni previsti dal progetto si proseguirà poi
nelle altre province: Caltanissetta, Messina e Palermo. Dusty predilige i progetti
inclusivi come questo perché sono uno strumento concreto per superare le
diseguaglianze e riabilitare risorse umane. Cambiare una mente attraverso l’istruzione
e la comprensione può cambiare in meglio il mondo. Il lavoro nobilita l’uomo ed è per
questo che, se tutti gli imprenditori insegnassero un mestiere a chi ha sbagliato,
molte più risorse umane potrebbero “rinascere” e guardarsi allo specchio sapendo di
avere l’opportunità di ricominciare nella giusta direzione».
Dusty si è impegnata a inserire in azienda 60 candidati in qualità di tirocinanti. Di
questi, 50 verranno assunti con un contratto di lavoro a tempo determinato per 6-12
mesi con orario part-time. Ad almeno 5 soggetti che avranno svolto con ottimo esito
sia il tirocinio che il rapporto di lavoro, Dusty riserverà un contratto a tempo
indeterminato per 24 ore settimanali.

Regioni

Argomenti

Ti potrebbe interessare

Fuori Le Mura, il carcere palermitano Ucciardone si aggiunge al progetto

di

Anche il carcere palermitano Ucciardone ha scelto di partecipare al progetto “Fuori Le Mura” per il reinserimento lavorativo dei detenuti all’interno dell’azienda...

Al via il progetto “Fuori le Mura” per il reinserimento socio-lavorativo dei detenuti

di

La realtà carceraria è ancora un tabù ricco di pregiudizi. Ai detenuti, solitamente, si propongono solo misure di politica attiva del lavoro,...

Selezione e formazione dei detenuti, boom di richieste per i tirocini di Fuori Le Mura

di

Boom di richieste dei detenuti per i tirocini formativi del progetto Fuori Le Mura. Sono oltre cento le domande di partecipazione al...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK