“Frichigno!”: io non me ne vado. Io resto.

“Io non me ne vado. Io resto”. Si conclude con queste parole “Frichigno!”, lo spettacolo teatrale della “Piccola Compagnia Impertinente”, scritto da Enrico Cibelli, diretto e interpretato da Pierluigi Bevilacqua, messo in scena nella particolare atmosfera del “Parco della Memoria” all’interno del Laboratorio di Legalità “Francesco Marcone”, racconta attraverso le vicende di un ragazzo foggiano, adolescente negli anni ’90,
le peripezie di una generazione, chiamata generazione X, delle sue paure e delle sue sfide, passando attraverso due leggende di quel periodo, Zdeněk Zeman e Kurt Cobain, e le storie della mafia foggiana, che da decenni detta legge in città, al di fuori della legge. “Frichigno!” porta sul palco la Società foggiana, la criminalità organizzata della quale così poco si parla. “Frichigno!” è come urlano i bambini foggiani quando, durante una qualsiasi partita di calcio in strada, il portiere tocca la palla con le mani, fuori dalla sua area, e fa finta di nulla.

Lo spettacolo getta un segno di speranza per chi ha deciso di restare, nonostante le disillusioni e l’ansia di andare via, in questa terra “bella e disperata”. Proprio come vuol fare questo progetto: continuare a sognare questa terra come ancora non è, mettendo in campo l’utopia che passa attraverso il lavoro, il riscatto, l’autodeterminazione. 

 

 

37167443_10217151502603798_9082891043946364928_n 37040389_10217151503083810_6977676604352757760_n 37017667_10217151503523821_2943585656271536128_nIMG-20180706-WA0088  

Regioni

Argomenti

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK