TRA GRANDI SOGNI E GIORNATE TIPO

di

Quei ragazzi del VL8 (VolontariaMENTE Luiss VIII edizione).

IL RISVEGLIO

“Non si fa il proprio dovere perchè qualcuno ci dica grazie. Lo si fa per principio; lo si fa per se stessi e per la propria dignità”

H 7:30

Si sa che a chi piace lavorare non lavora neanche un giorno; chi ha pronunciato queste parole non ha mai conosciuto Luciana Delle Donne.

La sveglia suona alle 7:30 ma l’odore di zenzero ti sveglia molto prima.

La colazione è ben definita: cornetti, brioche e soprattutto pasticciotti, sempre del giorno prima (salutiamo la Sig.ra Lina della pasticceria Natale) son riscaldati, serviti e subito divorati. Tra noi è tutto un equilibrio (e si, quasi sopra la follia): c’è chi mangia poco e c’è chi mangia al posto suo. La casa che ci ha ospitato è un sogno, Lorenzo però è convinto che non è mai troppo tardi per “aggiustare le maniglie” (caro lettore, mi piacerebbe anticipare un fatto: ciò che dice Lorenzo non vale). Lorenzo è l’unico uomo nella nostra grande squadra ed è inutile dire che è in minoranza. Come direbbe Francesca è un “nonnulla” ma in realtà tutte sappiamo quanto il giorno sarebbe vuoto senza il sorriso e la bontà di Lorenzo. La casa è un sogno e i tavoli non sono mai abbastanza grandi per contenere allo stesso momento frutta, dolci computer e quaderni perché il lavoro a casa di Luciana, si respira.

Tutto è scandito da regole: “noi siamo quello che mangiamo” (per riprendere l’idea alla base del progetto per l’educazione alimentare nelle carceri) e questo è un mantra. A proposito di mantra, oltre che alla golosa acqua, limone e zenzero o bicarbonato proposta da Luciana a colazione (che tutti abbiamo avuto il piacere di provare ma s’intende, è stata in fretta sostituita dalla Nutella di gran lunga piu piacevole da gustare) il risveglio e, non solo, era accompagnato da una non-proprio-lieve melodia per la meditazione, che nessuno pratica.

In poco tempo, corretti insegnamenti diventano abitudini se ripetuti ogni giorno ma questo non è sufficiente per consumare acqua e bicarbonato alla mattina una volta tornati nelle nostre case.

IL GIORNO

La giornata è iniziata

“Non chi comincia, ma quel che persevera”

H 9:00

Ci si veste di fretta e ci si dirige verso il carcere di Borgo San Nicola (LE). Superati i controlli di routine si va alla volta della Maison di Made in Carcere, un’oasi felice all’ interno dell’istituto penitenziario, arredata con mobili e tappeti antichi, in modo tale da educare, oltre che al lavoro, anche alla bellezza. È il luogo dove le donne in stato di detenzione lavorano e producono per la cooperativa “Officina creativa” e noi le affianchiamo.

Abbiamo visto, ogni giorno, il dolore che si trasmutava in speranza e per questo non saremo mai abbastanza grati a quest’esperienza.

IL POMERIGGIO

“Chi lavora e chi fa, sbaglia” come ben dice la mamma di Luciana.

H 13:30

Il momento migliore della giornata è la pausa pranzo in cui ci ritroviamo alla stessa ora alla sede di “Officina Creativa” in piazza Europa, a Lequile sotto una grande quercia.

Attorno ai tavoli da picnic, siamo sempre tanti: ci raggiungono, infatti, tutti gli altri dipendenti della cooperativa. Della cucina ci occupiamo a turno ma, vige l’obbligo di cucinare legumi e verdure biologiche di Piccapane (anche qui, sono costretta al rimando all’articolo Orto in-festato).

Dopo questa anche fin troppo breve pausa si torna al lavoro: c’è chi si occupa della narrazione, chi cura la rete di contatti con privati e aziende, chi invece si dedica al marketing chi alla modellistica e chi ai progetti speciali. Ognuno di noi è infatti responsabile del suo dipartimento e contemporaneamente vice-capo di un altro.

Le cose da fare sono sempre mille e la giornata vola; ci dedichiamo ai nostri compiti fino alle 19, ora in cui si torna a casa (o almeno si spera) o al mare a sbirciare il tramonto.

LA SERA

“Dare e darsi è la nuova frontiera della ricchezza”

H 21:00

In realtà la nostra cena non inizia mai alle 21: qualcuno è sempre in ritardo e perciò ci sediamo a tavola un po’ piu tardi. È il momento di condividere e raccontare la nostra giornate ma soprattutto le nostre idee (anche qui, raggiungiamo il perfetto equilibrio: si mescolano menti creative a menti tecniche e per questo a tutte le utopie viene affiancato un piano per la loro realizzazione). Le serate e le risate sono costantemente documentate da Luciana che colleziona nel suo telefono ricordi e momenti speciali.

In poco tempo abbiamo creato riti e tradizioni; insomma, siamo diventati una famiglia. Non ci legano anni di amicizia ma la confidenza raggiunta è tale da farlo quasi credere.

LA NOTTE

“Cio’ che vediamo la notte, è lo sfortunato residuo di quanto abbiamo negletto durante la veglia”

ORA INCERTA

Ci sono giorni che non finiscono mai.

La notte per noi è troppo lunga per dormire soltanto: sono troppe le chiacchere.

Ma quando siamo nella stanza, i nostri pensieri si sincronizzano: è proprio vero che abbiamo capito che non avevamo capito nulla.

 

Articolo a cura di Federica Romano e Lorenzo Peraino.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Una sartoria sociale alla Casa delle Culture per “ricucire” i fili di un benessere collettivo. 1 fase del progetto BIL nell’ambito della programmazione della Cooperativa Sociale C.A.P.S

di

Nel cuore del quartiere San Paolo, notoriamente uno dei più “difficili” del capoluogo pugliese, nasce Casa delle Culture, Centro Polifunzionale aperto, sorto...

UNA RADIO MOLTE VOCI

di

Questa sera alle 19.00 su https://www.radio-comunitaria.org/ una nuova puntata di Welcome Radio. Si parlerà di carcere e riscatto sociale con Nadia Lodato...

L’orto in-festato di amore e dedizione da Giuseppe Pellegrino. Un altro modo di “piantare” benessere.

di

Giuseppe Pellegrino, titolare dell’agriturismo biologico “Piccapane”, sta curando, presso la sezione maschile dell’istituto penitenziario di Lecce, un progetto che si pone come...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK