La sartoria sociale Harlequin: il BIL tra teoria e prassi.

di

Il progetto Sartoria Sociale Harlequin nasce dal desiderio e dall’esigenza di creare un ambiente di lavoro fondato sull’uguaglianza e sull’altruismo, in grado di aiutare e reintegrare soggetti che versano in condizioni di difficoltà nella realtà di tutti i giorni. Operatori sociali, esperti del taglio e del cucito intraprendono questa missione per permettere a queste persone di credere di nuovo in loro stesse, comprendere il loro valore per esaltarne l’unicità. Questo tipo di attività permette a tutti i professionisti coinvolti di trasformare strumenti teorici e tecniche in progetti reali di alto valore sociale.

Ne parla la Dott.sa Chiara Quagliarella, laureata in scienze del servizio sociale.

“Il primo step che affrontiamo è l’accoglienza di queste persone che con entusiasmo scelgono di affidarsi a noi. È necessario muoversi con massima comprensione e dolcezza, cogliendo le loro necessità e intraprendendo un percorso formativo insieme”

La dott.ssa Quagliarella ha avuto il piacere di raccontarci l’inizio di questa esperienza: “ci siamo ritenuti sin da subito fortunati nell’aver accolto donne e uomini volenterosi di collaborare e mettersi in gioco. Nonostante l’attività di sartoria sia a primo impatto tipicamente femminile, la nostra proposta è stata accolta per la maggior parte da uomini, abbattendo con questa scelta ogni pregiudizio e trasmettendo loro la vera essenza di questa opportunità. Lavoreremo insieme con l’intenzione di creare e di rafforzare un legame tra la loro vita passata e un presente più felice.

Attualmente con la nostra squadra abbiamo concluso tre contratti di tirocinio e una borsa lavoro, i nostri dipendenti si impegnano nella progettazione e realizzazione di shopper bag, pochette e accessori.

La formazione per la realizzazione di oggetti è un processo complesso e trasversale, ma con le nostre competenze professionali siamo in grado di comprendere le necessità e la predisposizione di ogni persona al fine di dar vita ad un rapporto lavorativo e produttivo; tuttavia non sempre questi rapporti hanno un lieto fine. Recentemente, ad esempio, abbiamo avuto modo di iniziare questo percorso con una donna particolare; dai suoi atteggiamenti e dalle sue parole si è subito intravisto il mondo doloroso e complesso dal quale proveniva. È stata sempre molto puntuale e volenterosa, ma non era pronta ad abbandonare completamente il suo passato dedicandosi e affidandosi a noi. L’esito di questo percorso formativo, a conferma della complessità di questo tipo di relazione, non è stato positivo dal punto di vista lavorativo, ma ha costituito per lei un’importante opportunità.

Ricordo il primo giorno di tirocinio in cui il mio supervisore mi disse: “Noi non possiamo salvare tutti”, seguendo questo pensiero ogni giorno mi dedico a questo lavoro con la consapevolezza che noi operatori sociali non siamo onnipotenti, il nostro lavoro ha bisogno del sostegno e della fiducia delle persone che scelgono di seguirci. Indipendentemente dai risultati, questo tipo di progetto non costituisce mai un fallimento o una delusione, ma sempre una buona opportunità.Un aspetto estremamente positivo di questa realtà è l’atteggiamento collaborativo dei commercianti tarantini, ci siamo infatti affidati a loro per avere contatti e instaurare uno scambio proficuo di idee. La città di Taranto tiene molto alle iniziative di matrice sociale e ambientale.

Ad oggi considero questa iniziativa una vera e propria vittoria, il ricordo più dolce, ad esempio, è stato il lavoro di uno degli affidati che ha cucito un vestito per il compleanno della figlia. Grazie a queste soddisfazioni giorno per giorno ci impegniamo per raggiungere risultati sempre più alti e portare avanti valori etici, che possano arricchire la vita di queste persone.”

Ti potrebbe interessare

TRA GRANDI SOGNI E GIORNATE TIPO

di

Quei ragazzi del VL8 (VolontariaMENTE Luiss VIII edizione). IL RISVEGLIO “Non si fa il proprio dovere perchè qualcuno ci dica grazie. Lo...

Il mosaico dei partner BIL: Monelli tra i fornelli

di

L’ associazione Monelli tra i fornelli  è nata al termine del 2015 da un’idea del Pasticciere Ciro Ferrantino e del cuoco Luca...

Anche quest’ anno continua il progetto dei “ragazzi di Nisida”

di

Le colombe pasquali, insieme alle uova di cioccolato si possono considerare la trasposizione in dolciumi della Pasqua. Questi dolci, di lunghissima tradizione,...