“A carte scoperte” nell’IC Vittorio Alfieri di Crotone: “Studenti attivi e stimolati dal confronto”

di

Continuano gli interventi di informazione e sensibilizzazione del progetto “A carte scoperte”, sostenuto dalla Fondazione CON IL SUD e con ente capofila il Centro calabrese di solidarietà, sul territorio di Crotone. Da diversi mesi, infatti, l’ente partner Agorà Kroton Onlus sta lavorando insieme agli studenti dell’Istituto comprensivo Vittorio Alfieri – e di altre scuole del territorio- affrontando il tema della dipendenza patologia dal gioco d’azzardo, tra rischi e pericoli.

L’educatrice, Loredana de Tursi, ha fatto un bilancio di questa azione giunta ormai a metà del percorso previsto,  tra aspettative e funzionamento degli incontri.  “Il percorso educativo di informazione e prevenzione, avviato grazie al progetto A carte scoperte, sta focalizzando l’attenzione dei giovani sulla tematica del gioco d’azzardo patologico – spiega l’operatrice della Cooperativa Agorà Kroton Onlus –  Stiamo lavorando ormai da mesi con le classi terze della scuola secondaria di primo grado dell’istituto comprensivo “V. Alfieri” di Crotone con interventi che vedono i ragazzi protagonisti di azioni educative. L’aspetto più interessante è che i ragazzi e le ragazze sono diventati sin da subito protagonisti attivi. Stiamo imparando insieme, con i dovuti interventi strutturati, a riconoscere i segnali di un possibile disagio, contestualizzato, e di conseguenza cercare di favorire una condizione di benessere personale e sociale”.

“La risposta   ottenuta finora è di stupore e coinvolgimento – racconta ancora l’educatrice di Crotone – nonostante
l’eccessiva informazione che i giovani hanno sull’utilizzo dei giochi, risulta molto bassa la conoscenza dei disagi creati da essi.  Gli studenti si dimostrano sempre più aperti al confronto e al dialogo e, con il susseguirsi degli incontri e quindi con una maggiore fiducia acquisita nella mia figura, risultano anche una fonte costante di informazione dalla quale prendere spunto e procedere sui dibattiti e scambi di idee. L’apertura al dialogo vede i ragazzi sempre più concentrati sulle tematiche che stiamo affrontando. Pertanto ad oggi il coinvolgimento dei ragazzi è maggiore. Siamo davvero soddisfatti di questo percorso e dei risultati tangibili che sta ottenendo”.

Regioni

Argomenti

Ti potrebbe interessare

Tour AntiGAP, tappa a Davoli Marina: “Riscontrata resistenza a parlare del gioco d’azzardo patologico”

di

Il Tour AntiGAP del progetto “A carte scoperte” è ripartito nella provincia di Catanzaro. Lo scorso 5 aprile, gli operatori del Centro...

Con la tappa di Montepaone Lido si conclude il tour AntiGAP nella provincia di Catanzaro

di

Si conclude oggi con la tappa di Montepaone Lido il tour  Anti GAP del progetto “A Carte Scoperte”-   sostenuto dalla Fondazione CON...

“Il gioco patologico: prevenzione ed educazione”: al via gli incontri nelle scuole di “A carte scoperte”

di

Informazione e sensibilizzazione delle nuove generazioni sul tema del gioco d’azzardo patologico. Questi i due obiettivi che il progetto “A carte scoperte”...