Cosenza, a Figline Vegliaturo si conclude il tour Antigap con gli esperti de “Il Delfino”

di

Si è svolta negli scorsi giorni l’ultima tappa della prima parte del Tour AntiGap del progetto “A Carte scoperte” nella provincia di Cosenza, gestita dagli esperti dell’ente partner Il Delfino. Teatro dell’ultima fermata di questo filone è stato il comune di Figline Vegliaturo che ha accolto con calore il camper di progetto con a bordo gli operatori vogliosi di fare informazione e sensibilizzazione sul tema “ludopatia”.

“Anche in questa ultima tappa del tour Antigap la fascia d’età che si è interessata di più alla nostra presenza e che si è avvicinata al camper  è stata quella giovanile. – spiegano gli esperti del Centro Il DelfinoNonostante l’affluenza non sia stata numerosa, abbiamo registrato comunque sensibilità e interesse verso il tema della dipendenza da gioco d’azzardo. Con i ragazzi con cui abbiamo avuto modo di confrontarci  è emersa preoccupazione e paura. Loro stessi hanno riconosciuto il rischio di cadere nella trappola della ludopatia”.

“Molti hanno affermato che vivono una realtà dove spesso anche le persone più adulte,  per mancanza di  alternative, si rifugiano nei bar e qui la tendenza è spesso di ad avvicinarsi alle slot machine. Tra i ragazzi invece è molto più diffuso il gioco d’azzardo “nascosto” dietro le scommesse calcistiche giocate dai propri dispositivi. In tutti i comuni visitati ci siamo imbattuti nella presenza di slot machine, lotteria e gratta e vinci in uno o più bar del territorio e questo, anche secondo le persone sentite, aiuta il fenomeno a svilupparsi”, prosegue il racconto.

In conclusione, dopo questo primo step del tour antigap a gestione dell’ente partner Il Delfino, la riflessione è la seguente: “Questa prima parte di tour che ci ha coinvolti in prima persona è terminato ma ci aspetterà una seconda parte in cui saremo sicuramente più consapevoli e certi di quanto importante sia continuare a sensibilizzare sul tema e fornire supporto. Siamo decisi di voler e di poter cambiare le carte in tavola e la scelta consapevole di vivere A carte scoperte”, concludono gli esperti.

Nei prossimi mesi il Tour Antigap ripartirà su altri territori di progetto a diretta gestione di altri enti partner.

COME CHIEDERE AIUTO – Nella provincia di Cosenza, grazie al progetto “A Carte scoperte” sono stati attivati due Centri GAP. Il primo situato in Via De Nicola a Castiglione Cosentino –  aperto ogni martedì dalle 9 alle 13 e i giovedì dalle 15 alle 19 – e gestito dalla Cooperativa sociale Il Delfino. Il secondo, invece, nella località di Tortora gestito dall’ente partner il Centro d’Accoglienza L’ULIVO in Via Fratelli Turati ed aperto ogni venerdì dalle 8 alle 13. I servizi offerti sono gratuiti. Infine, per rendere più semplice la richiesta di aiuto e per offrire un servizio anche “a distanza” di presa in carico e cura ai soggetti dipendenti dal gioco d’azzardo patologico è disponibile anche la piattaforma www.lultimapuntata.it

LA FOTOGALLERY DELL’ULTIMA TAPPA

Regioni

Argomenti

Ti potrebbe interessare

Gioco d’azzardo patologico: prosegue il percorso di sensibilizzazione nell’IC Vittorio Alfieri di Crotone

di

Continua il percorso di sensibilizzazione dei giovani nelle scuole di Crotone sul gioco d’azzardo patologico offerto dal progetto “A carte scoperte”, sostenuto...

Il tour AntiGap continua: nuova tappa nel Comune di Petilia Policastro

di

Nuova tappa del Tour AntiGap del progetto “A Carte scoperte” nella provincia di Crotone. Questa volta lo scenario è stato il comune...

Tour AntiGap, dal 3 novembre nuove tappe in provincia di Cosenza con gli esperti de “Il Delfino”

di

Riparte il 3 novembre il Tour AntiGap del progetto “A carte scoperte”, sostenuto dalla Fondazione CON IL SUD e con ente capofila...