ECCO I BUNKER DA CUI I BRACCONIERI FACEVANO STRAGE DI UCCELLI SELVATICI ALLE SOGLITELLE

di

I BUNKER COME ERANO PRIMA.

Appostamenti fissi chiamati in dialetto “puosti”, dove i bracconieri  si nascondevano comodamente praticando il tiro al bersaglio contro uccelli inermi.

I “puosti” sono fatti da containers o manufatti in cemento armato e ferro incassati nel terreno, tutti abusivi; la parte superiore viene dipinta di verde per mimetizzarla e sono chiusi mediante lucchetti blindati. Nei bunker più attrezzati c’erano addirittura letti a castello e cassette del pronto soccorso…

 

I BUNKER OGGI

Ormai sono solo dei ruderi i bunker dei bracconieri e presto verranno rimossi per una completa riqualificazione dell’habitat.

Quelli meglio conservati potranno essere utilizzati, se possibile e con tutte le autorizzazioni necessarie, per la fotografia naturalistica ed il birdwatching.

Sarebbe un bel segnale. Dove prima i bracconieri si  appostavano per ammazzare fenicotteri, marzaiole spatole e cavalieri d’Italia, oggi spunterebbero solo teleobiettivi e cannocchiali per ammirare questi splendici uccelli.

 

 

Regioni

Argomenti

Ti potrebbe interessare

LE SOGLITELLE : UN PARADISO NATURALE

di

Continua lo studio dell’avifauna alle Soglitelle nel delicato periodo di nidificazione, coordinato da Alessio Usai, ornitologo responsabile della Stazione di Monitoraggio di...

Spazio su Repubblica per il progetto “Volo Libero”

di

Scrive delle Soglitelle su Repubblica anche Ugo Leone, geografo sensibile ai temi della questione meridionale e dell’ambiente; giornalista pubblicista  è stato Professore...

“BRACCONIERI NELLA RETE” di Barbara Carazzolo Famiglia Cristiana aprile 2001

di

Nel  2001 la Lipu incominciò ad occuparsi delle vasche e delle Soglitelle. Vogliamo farvi leggere un bellissimo articolo di Barbara Carazzolo della...