Auto-produzione … e se imparassimo a fare lo yogurt in casa?

di

Il fai da te… in cucina

Il fai da te in cucina sta diventando una vera passione nel nostro Paese. Un’eccezionale riscoperta di saperi e procedimenti antichi che si riaffacciano prepotentemente nell’era della globalizzazione, insegnandoci a comprendere che il nostro modello di sviluppo non è più sostenibile.

Sono in tanti, infatti, quelli che si dilettano a preparare alimenti fatti in casa quali pane, pasta, pizza, biscotti, conserve, infusi, succhi, dolci, yogurt …

L’autoproduzione può diventare un utile strumento nella costruzione di un mondo nuovo, un mondo il più possibile su misura per noi, che sia capace di gravare il meno possibile sulla salute del pianeta. Pertanto, l’autoproduzione contribuisce senza alcun dubbio un mezzo per avere una vita più sana, più leggera, più sostenibile per l’ambiente e per sé stessi.

Può trasformarsi, infine, in uno spazio liberatorio, in un momento in cui dedicarsi a ciò che si ama.

E allora, oggi, vi proponiamo una ricetta semplice, divertente ed economicamente vantaggiosa da fare in casa … lo yogurt!

Lo Yogurt

Naturale e ricco di fermenti lattici vivi, lo yogurt é un aiuto importante per la salute del nostro intestino e di tutto il nostro organismo. Leggero e dietetico, è un alimento perfetto per mangiare qualcosa di gustoso ma ipocalorico a colazione o a merenda. Lo yogurt è un prodotto completamente naturale che si ottiene dalla moltiplicazione dei batteri (Lactobacillus bulgaricus e Streptococcus thermophilus) a una certa temperatura (anzi, sono i batteri a fare tutto da soli, noi dobbiamo solo aspettare). Infatti, sono proprio i batteri a dargli il tipico sapore acidulo.

E poi lo yogurt preparato in casa non solo è più economico (con un litro di latte si produce un kg circa di yogurt, al costo di 1,5 euro o poco più) ma anche ecologico, perché diminuisce l’inquinamento da rifiuti di imballaggio e da trasporto, rispetto agli yogurt che compriamo al supermercato.

Gli ingredienti

Gli ingredienti per fare lo yogurt sono solo due, per questo è bene sceglierli di qualità. Insomma, pochi ma buoni!

È possibile usare il latte intero, ma anche quello parzialmente scremato, a seconda della consistenza che si vuol dare al proprio yogurt. Latte fresco oppure a lunga conservazione.

Il secondo ingrediente principale è lo yogurt, perché saranno proprio i fermenti lattici che contiene a trasformare il latte in yogurt. La prima volta scegli uno yogurt naturale industriale, mentre in un secondo momento potrai usare un vasetto del tuo yogurt per continuare a prepararlo in casa (è consigliabile, però, cambiare lo starter ogni 5/6 preparazioni).

Bene! Ora che abbiamo gli ingredienti (1 litro di latte e 1 vasetto di yogurt) vediamo cos’altro ci occorre per poter procedere:

Una pentola grande con coperchio, un bollitoio e diversi contenitori in vetro (tutti piccoli oppure di varie misure… come preferite!).

Pronti? Iniziamo … Mettiamo il pentolino con il latte sul fuoco e facciamolo sobbollire fino a 90°C (per quello a lunga conservazione va bene anche a 40°). Mescoliamo spesso, soprattutto quando diventa più caldo, per evitare che si attacchi. Anche la pentola con i vasetti la facciamo scaldare un poco così come il forno nel quale, dopo, metteremo a riposare il tutto.

Dopo averlo sobbollito, il latte viene messo a bagnomaria per abbassarne la temperatura fino a 40°C-42°C circa …

… dopodiché, ci aggiungeremo il nostro vasetto di yogurt mescoleremo bene e lo verseremo nei vasetti preparati in precedenza.

Infine, mettiamo i vasetti nella pentola che chiuderemo e avvolgeremo in un plaid di lana prima di riporla nel forno, dove riposerà per circa 7 ore …

… e dopo 7 ore il risultato qual è? Eccolo! Uno yogurt compatto, cremoso e veramente gustoso … provare per credere!

 

 

Regioni

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK